Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Trento / Via Zavarise Manani

La Finanza gli trova un chilo di marijuana in casa: scattano le manette per rifugiato politico

Un uomo di origini nigeriane residente a San Bonifacio è stato tratto in arrestato dalle Fiamme Gialle nell'ambito dell'operazione "Marijuana Express"

Insieme ad altri dieci connazionali nigeriani e un italiano, è stato pedinato e filmanto per settimane, fino a quando la Guardia di Finanza non è entrata in casa sua a notificargli un ordine di custodia cautelare in carcere. 
Il giornale L'Arena riporta la notiza di un arresto compiuto dalle Fiamme Gialle a San Bonifacio: a finire in carcere nell'ambito dell'operazione "marijuana express" è stato O.B., 36enne nigeriano, che ha visto il giudice convalidare il suo arresto e disporre la custodia cautelare. L'indagine dei finanzieri ha permesso di portare alla luce un traffico di droga proveniente da Roma che riforniva il Veneto: l'organizzazione, che non era di tipo verticale, pagava 200 euro a viaggio alcuni corrieri che ogni settimana, spostandosi soprattutto in treno, riuscivano a muovere anche dieci chili di marijuana. Tra gli indagati, sono numerosi gli stranieri arrivati in Italia negli ultimi anni, tutti in possesso del permesso di soggiorno per protezione sussidiaria: un titolo che li metteva su un piano simile a quello di rifugiati politici. 
Quando la Guardia di Finanza è entrata nell'appartamento di O.B., in via Zavarise Manani vicino all'ex ospedale, ha trovato al suo interno anche un chilo di stupedacente. Insieme a lui inoltre, risulterebbe indagato un altro nigeriano domiciliato nella provincia scaligera. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Finanza gli trova un chilo di marijuana in casa: scattano le manette per rifugiato politico

VeronaSera è in caricamento