Passi in avanti per il filobus, scelti i mezzi che circoleranno in città: saranno svizzeri

Dopo il fallimento dell'azienda olandese Apts, la Carrosserie Hess di Zurigo è stata scelta come nuova azienda fornitrice dei veicoli che attraverseranno Verona, i quali saranno completamente elettrici

La commissione consiliare mobilità che si è riunita giovedì ha indicato la nuova azienda che sarà incaricata di fornire i mezzi per la linea filobus che attraverserà Verona: si tratta della Carrosserie Hess di Bellach, presso Solothurn, i cui prodotti sono già in funzione a Lucerna e Zurigo. Lo hanno riferito al termine dell'incontro Francesco Spargaro e il direttore generale di Amt, Carlo Alberto Voi. 
Rispetto alla ditta olandese Apts, a cui inizialmente era stato affidato questo compito prima che fallisse, i mezzi della Hess saranno interamente ad alimentazione elettrica: nei 4 chilometri non elettrificati non utilizzeranno quindi il diesel, ma bensì un batteria. I filobus svizzeri non avranno però il sistema di accostamento automatico alla banchina, in quanto si tratta di un brevetto dell'azienda olandese. Il costo dei 37 veicoli necessari per coprire i percorsi che dallo Stadio arrivano a San Michele e che da Ca' di Cozzi giungono in Borgo Roma sarà di circa 40 milioni di euro. Si attende però un via libera dal comitato tecnico ministeriale per aumentarne la lunghezza da 24 a 18 metri, come riporta il quotidiano L'Arena. 
"Tocca ora al ministero e alla Motorizzazione civile - dice l'ingegner Voi al giornalista del quotidiano veronese - approvare il progetto definitivo con la possibilità di utilizzare queste soluzioni. Dal nostro punto di vista rappresenterebbero un grosso salto di qualità, con un miglioramento dal punto di vista della capacità di trasporto e ambientale. Le prospettive, anche per avere la deroga che ci consentirebbe di utilizzare vetture di 24 metri sono favorevoli, inoltre i costi gestionali resterebbero invariati". 
La commissione inoltre ha iniziato ad analizzare anche la questione delle corsie preferenziali, sempre come riportato dal quotidiano L'Arena, che verranno delimitate da un'opportuna segnaletica orizzontale e dall'asfalto rumoroso che separa la corsie d'emergenza dalle altre in autostrada. 
 

Potrebbe interessarti

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • Auto: i 7 accessori che non possono mancare per affrontare un lungo viaggio

  • Falsi amici della dieta: ecco i 10 alimenti che non fanno dimagrire

I più letti della settimana

  • Autoarticolato e moto si scontrano in tangenziale: morto un giovane 26enne

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 23 al 25 agosto 2019

  • Frontale tra auto a Vigasio: quattro feriti in ospedale, grave un ragazzo

  • Non si controlla più, estrae un coltello in piazza Bra e viene bloccato

Torna su
VeronaSera è in caricamento