rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Film nuovi, polemiche vecchie

"Francesca", presentato alla Mostra di Venezia, spacca l'opinone pubblica

Un regista rumeno ha realizzato un film, "Francesca" , sulla condizione degli immigrati rumeni in Italia, che è stato presentato alla mostra veneziana, e che sta facendo parlare di sè, più che per la qualità del film, per una parte del contenuto dello stesso, dove, a quanto pare e si è letto, vi sono offese, anche pesanti, con accuse di razzismo, nei confronti di politici italiani, tra cui spiccano l'onorevole Alessandra Mussolini e, per quanto riguarda Verona, il sindaco della città Flavio Tosi.

A titolo di cronaca non si può non rimarcare il fatto che la comunità rumena di Verona ha preso le distanze dalle accuse rivolte al sindaco Tosi. La Comunità rumena, rappresentata in particolare dal Sacerdote della Chiesa ortodossa di Verona ha invece ringraziato il sindaco, al quale ha dato atto di aver tenuto politiche di integrazione per i lavoratori non italiani in regola con i comportamenti e con il lavoro.
Che spunti di riflessione possiamo trarne? Direi due: il primo. Quali speranze ha un giovane regista non particolarmente noto per avere su di sè la attenzione dei MEDIA ad una Mostra cinematografica come quella veneziana? La risposta appare scontata, quasi banale: si inserisce nel film una problematica sessuale trasgressiva, oppure si fa una denuncia sociale, magari condita da elementi di polemica politica. Il nostro regista ha scelto la seconda strada ma, e qui sta la sorpresa, non ha portato in fondo l'attacco. Di fronte alle polemiche (cercate, non cè dubbio alcuno) ha "coraggiosamente" indirizzato ogni responsabilità su chi certe frasi ha pronunciato nel film, come se la responsabilità di inserire o meno nel film spezzoni offensivi non fosse del regista. Patetico. Mi pento, quasi quasi, di scriverne e di dargli un ulteriore spazio mediatico. Riflessione numero due, tutta veronese: un partito di sinistra ha chiesto di poter avere la pellicola per proiettarla alle feste del proprio partito e la sezione veronese di questo partito, visto il coinvolgimento del sindaco Tosi, ha chiesto di poterla proiettare in prima nazionale. Tristissimo. C'era una volta la sinistra, che tutelava gli interessi dei lavoratori...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Film nuovi, polemiche vecchie

VeronaSera è in caricamento