Fiera del Bollito e doppia sfida enogastronomica: un Soave è il re dei Brulé

Ieri sera giovedì 26 novembre, al Palariso di Isola della Scala (Vr) in occasione della Fiera del Bollito con la Pearà, è andata in scena una doppia sfida enogastronomica: il concorso tra i migliori brulé e la gara di cucina riservata agli istituti alberghieri

Ieri sera giovedì 26 novembre al Palariso di Isola della Scala una giuria di sommelier, produttori vitivinicoli e barman ha decretato la bevanda calda preparata con un Soave Classico la migliore al concordo Gran Brulè ad Isola della Scala. È stato preparato con un vino bianco, un Soave Classico, il migliore tra i 5 brulé che hanno partecipato alla prima edizione del concorso enologico Gran Brulè, che si è tenuto ieri sera, giovedì 26 settembre, ad Isola della Scala in occasione della Fiera del Bollito con la pearà.

Gli ingredienti? Camomilla, zenzero, pepe in grani, limone, arancia, miele d’acacia, mele verdi e zucchero canna. Il vincitore, che ha preso il nome di Dolce e Soave, ha battuto gli altri 4 brulé in gara “Il Valpopiccante” (con Valpolicella ripasso Classico Superiore) Il Silvestre (Tai Rosso), Il Mantovano (Lambrusco mantovano) e Lo Stellato (Enantio riserva). Lo Stellato ha vinto il premio della giuria popolare, e contava tra gli ingredienti anice stellato, liquirizia, vaniglia, miele millefiori e zucchero.

premiazioni gran brule-2

Al concorso hanno partecipato 30 sommelier. I 5 Gran Brulé, creati in cucina dallo chef Paolo Forgia e dai sommelier Mauro Longo e Matteo Guidorizzi, continueranno ad essere serviti al pubblico durante la Fiera del bollito con la pearà che terminerà domenica. L’idea alla base del concorso è stata quella di rivisitare la più tradizionale delle bevande invernali con vini eccellenti del Veneto e della Lombardia e ingredienti insoliti. Un’iniziativa nata per gioco ma che ha già convinto 1500 persone che hanno voluto degustare il Gran Brulè nelle prime due settimane di Fiera.

studenti trofeo citta riso-2

Sempre ieri l’istituto Artusi di Chianciano Terme ha vinto alla "Fiera del bollito con la pearà" di Isola della Scala (Verona), il VII trofeo “Città del Riso”, concorso gastronomico riservato alle scuole alberghiere italiane. La somma dei punti ottenuti dai suoi studenti Lorenzo Manzoni, che ha rivisitato il classico ‘risi e bisi’ e Sebastiano Vanni, che ha preparato un ‘torroncino’ di fegato con confettura di cipolla, ha permesso all’istituto toscano di battere lo Stimmatini di Verona, l’Enaip di Feltre e il Giolitti di Torino.

IMG_20151126_193538-2

Ogni scuola ha presentato un primo piatto di riso e un secondo di carne utilizzando prodotti italiani di qualità. Il miglior risotto in assoluto è stato quello preparato da Victor Vilcu di Feltre (con ‘pastin’ bellunese, verze e formaggio Schiz). La seconda portata che è più piaciuta alla giuria è stata quella di Claudio Morra di Torino: cheeseburger affumicato di Fassone e Asiago, radicchio di Treviso all'Amarone, chips di patate, topinambur e sedano rapa. A decidere i vincitori una commissione presieduta da Antonella Bampa (Slow Food) e composta da: Costanzo Compri (vicepresidente Associazione macellai veronesi), Lucio Ferriani (Associazione cuochi scaligeri), Stefania Pompele (agrotecnico) e Mirko Brentaro (Chef).

IMG_20151126_193602-2 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento