Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca San Michele / Via Unità D'Italia

Prima provano con la fiamma ossidrica, poi con una mazza ma il colpo non va a segno

Difficile stabilire quando il tentativo di furto sia avvenuto, fatto sta che l'altro pomeriggio il gestore del negozio Vodafone ha notato il segno sulla porta dell'attività ed ha avvisato subito carabinieri e questura

La pesante lastra di metallo della porta ha retto il confronto con la fiamma ossidrica, scoraggiando i malintenzionati che hanno preferito rinunciare al colpo solo dopo aver provato "un'altra strada". 
Difficile stabilire con esattezza quando sia avvenuto l'episodio ma l'altro pomeriggio il titolare del negozio Vodafone di via Unità d'Italia, si è accorto del tentativo di furto vedendo il segno lasciato sulla porta e ha avvisato carabinieri e Questura. Il negozio si trova al piano terra di un condominio, vicino a piazza del popolo, e i ladri, una volta capito che il loro tentativo non sarebbe andato a buon fine, si sono introdotti nelle cantine condiminiali, dove hanno cercato di aprirsi un breccia nel muro, probabilmente a colpi di mazza, per raggiungere i locali dell'attività. Anche questa pratica però non ha dato i frutti sperati e sulla vicenda ora indaga la polizia e la Scientifica. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima provano con la fiamma ossidrica, poi con una mazza ma il colpo non va a segno

VeronaSera è in caricamento