Cronaca

Presentata la nuova edizione del Festival del Cinema Africano

La rassegna, organizzata da Nigrizia, dal Centro Missionario Diocesano e dal ProgettoMondo Mlal, ha lo scopo di dar voce alla cultura africana e di creare un modello di dialogo tra culture diverse

Oggi, nella sala Rossa del Palazzo Scaligero, l'assessore al Turismo Ruggero Pozzani ha presentato la 32° edizione del Festival del Cinema Africano di Verona che si terrà dal 16 al 25 novembre. Erano presenti Fabrizio Colombo e Stefano Gaiga, direzione artistica Festival Cinema Africano, Rossella Lomuscio, ProgettoMondo Mlal – ufficio Formazione e Scuole.

La rassegna, organizzata da Nigrizia, dal Centro Missionario Diocesano e dal ProgettoMondo Mlal, ha lo scopo di dar voce alla cultura africana e di creare un  modello di dialogo tra culture diverse, avvalendosi delle potenzialità espressive dell'arte cinematografica.

LE DICHIARAZIONI - “Vi porto i saluti dell'assessore Luciani che non ha potuto essere  presente oggi a causa di impegni istituzionali. - dice l'assessore Pozzani - Sono qui a presentare con entusiasmo e curiosità la 32° edizione del Festival che, come molti appassionati, ho sempre seguito da spettatore. In qualità invece di amministratore che si occupa di turismo, sono convinto che questa manifestazione rappresenti un'occasione importante per attirare visitatori nel nostro territorio e per promuovere Verona e  provincia. Un augurio dunque di successo per questa lodevole iniziativa”.

Il Direttore artistico Colombo prosegue: “La 32^ edizione del Festival, intitolata 'African Mix' avrà come tema la contaminazione tra cultura africana e il resto del mondo, filo conduttore che emerge nettamente dai film in programma. Il cinema africano, infatti, sta cambiando: è in continua evoluzione, espansione e sperimentazione. Si rivela un cinema sempre meno territoriale e autoreferenziale, per arricchirsi di forme espressive nuove che raccontano la 'New Africa', una realtà inedita che nasce dagli aspetti migliori delle varie culture”.      

Il Co-direttore artistico Gaiga: “Il calendario dell'edizione 2012 è ricco di eventi e opportunità. Tra le maggiori novità spicca il premio 'Cinema al di là del muro' che sarà assegnato da una giuria di detenuti africani del carcere di Montorio ad un film scelto tra alcune proposte della rassegna. Inoltre quest'anno la manifestazione si differenzia per la sua diffusione a livello territoriale in 5 Comuni della Provincia: Bussolengo, Cerea, Legnago, San Giovanni Lupatoto e Sommacampagna. Questa operazione si è resa possibile grazie a un intenso lavoro di rete con le istituzioni pubbliche, molte associazioni e organizzazioni no-profit. Ringrazio, infine, la Provincia per il contributo e la collaborazione, gli sponsor e tutti i promotori che ancora una volta hanno trovato energie, fisiche, mentali, economiche per sostenere la manifestazione”. 

“Anche le scuole parteciperanno al Festival del Cinema Africano con appuntamenti studiati appositamente per i giovani e la loro formazione. Negli ultimi anni l'entusiasmo degli studenti e dei docenti è cresciuto in maniera esponenziale: sono moltissimi gli istituti che aderiscono al nostro progetto socio-educativo. Sono state infatti preventivate ben 2300 presenze nelle sale dei teatri Stimate e Camploy e nelle aule magne scolastiche. Crediamo che il cinema possa essere un valido strumento interculturale fondamentale per la crescita, l'aggregazione e la riflessione e proprio per questo  varie iniziative si protrarranno nelle scuole anche nella settimana seguente al Festival” conclude Lomuscio del ProgettoMondo Mlal. 

INTERZONA: UNA SERATA PER IL CINEMA AFRICANO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentata la nuova edizione del Festival del Cinema Africano

VeronaSera è in caricamento