Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Festa dei Popoli Padani a Cittadella: mezzo migliaio i leghisti veronesi presenti

Si è svolta ieri domenica 13 settembre a Cittadella la Festa dei Popoli padani, alla presenza di Zaia e Salvini e con la partecipazione di molti leghisti veronesi capitanati dal segretario provinciale Paternoster

La tradizionale Festa dei Popoli Padani è andata in scena a Cittadella nella giornata di ieri domenica 13 settembre. Un raduno leghista in versione "duri e puri" al quale hanno partecipato in circa mezzo migliaio di Veronesi alla guida del loro segretario provinciale Paolo Paternoster. Quest'ultimo, così come riferisce l'Arena, non ha nascosto la propria soddisfazione in merito alla riuscita dell'evento: "Ci siamo trovati in tantissimi e abbiamo ascoltato interventi importanti, come quello del governatore Luca Zaia sugli immigrati clandestini: è giusto accogliere e aiutare chi scappa dai tagliagole, ma quelli che vengono qui con cuffiette e iphone non sono profughi non si devono far nemmeno entrare".

Non solo il governatore del Veneto era presente per l'occasione, ma anche lo stesso leader Matteo Salvini che, così come riporta l'Arena, il segretario Paternoster ha ascoltato con grande piacere nei passaggi severi del suo discorso rivolti contro il Capo del governo, l'altro Matteo, Renzi che a Verona aveva prima annunciato e poi disdetto all'ultimo la sua presenza sabato scorso: "Ha avuto parole molto decise sul governo Renzi visto come si è comportato con la nostra città e provincia, annullando la sua visita per prendere un aereo a spese dei cittadini per assistere a una partita di tennis negli Stati Uniti, una vergogna e un pero ("bidone" ndr per i lettori non veneti doc) colossale nei confronti dei veronesi e del mondo economico. Ha dimostrato scarsissima attenzione per la nostra città, ce ne ricorderemo. Chi vuole mandare a casa Renzi a novembre avrà l'occasione di farlo con la tre giorni di liberazione nazionale".

Atmosfera incandescente dunque, e le iniziative per il futuro non sembrano mancare, a cominciare dall'appuntamento fondamentale di domenica 8 novembre a Bologna. E in merito a una possibile integrazione con gli esponenti del nuovo progetto politico del sindaco Flavio Tosi, rispetto alle recenti aperture provenienti da parte di Venturi, il segretario provinciale Paternoster, così come riporta l'Arena, è stato piuttosto esplicito: "Mai e poi mai potremo allearci con chi ha fatto il male della Lega".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa dei Popoli Padani a Cittadella: mezzo migliaio i leghisti veronesi presenti

VeronaSera è in caricamento