menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due fine settimana dedicati alla 19° Festa dell'Olio di Mezzane

La manifestazione si svolgerà da sabato 17 a domenica 18 novembre e da venerdì 23 a domenica 25 novembre che ha come obiettivo quello di promuovere l'olio extra-vergine di oliva locale

Oggi, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, l'assessore alle Politiche per l'Agricoltura Luigi Frigotto ha presentato la 19^ Festa dell'Olio che si svolgerà a Mezzane per due fine settimana consecutivi: da sabato 17 a domenica 18 novembre e da venerdì 23 a domenica 25 novembre. Erano presenti Antonio Domenico Sella e Elena Veneri, rispettivamente sindaco e consigliere delegato del Comune di Mezzane, Renzo Menini, produttore del frantoio Verzen, Anna Maria Torresani, produttrice della società  agricola Terre Bianche.

IL PROGRAMMA - La manifestazione ha come obiettivo quello di promuovere l'olio extra-vergine di oliva prodotto dai giovani imprenditori locali che, in controtendenza con quanti decidono di riconvertire le colture a favore della produzione di vino, hanno deciso invece di puntare sulla produzione di un olio di qualità. Una scelta importante per una terra in cui vi è una fortissima concentrazione di produttori rispetto al numero di abitanti. Nel programma dei due week-end è prevista una serie di appuntamenti tra cui un premio letterario, concerti musicali e una mostra-mercato dove si potranno apprezzare le qualità dell'olio della Valle di Mezzane.

La “Festa dell'Olio” partirà sabato  17 novembre con il convegno nella Sala degli Affreschi del Comune di Mezzane intitolato “Olio Extravergine di Oliva e territorio, esperienze a confronto”, moderato da Benedetto Ruperti, docente dell'Università di Padova. A seguire, alle ore 19:00 apriranno il ristorante e l'enoteca. A chiudere la prima giornata, alle 21:30, sarà il concerto dei  “Second Line Jazz Trio”. Nella seconda giornata ristorante ed enoteca, oltre che per il servizio serale alle 19.00, apriranno anche alle ore 12.00 per il pranzo. Alle 15:30 Edoardo e Oreste Tognetti terranno un concerto bandistico a Villa Maffei. In contemporanea al programma ufficiale al Teatro della Pieve verranno inscenati racconti aneddoti e canzoni della tradizione toscana.

Il secondo week-end che avrà inizio venerdì 23 novembre: ristorante ed enoteca saranno aperti dalle 19:00. Sabato 24 novembre, alle ore 21.30, in sala civica avrà luogo il concerto di Giovanni Ferro e Beppe Zorzella. Domenica 25, per la giornata conclusiva, gli stands saranno aperti tutta la giornata. È, infine, fissata per le 17:00 la premiazione del concorso "Il gusto del racconto" nella Sala degli Affreschi.

LE DICHIARAZIONI DELL'ASSESSORE FRIGOTTO: “La 'Festa dell'Olio' è una manifestazione storica importante. Per questo è doveroso fare i complimenti a tutti coloro che lavorano all'organizzazione dell'evento puntando a promuovere l'olio tipico di Mezzane di Sotto. Per aiutare il lavoro dei nostri coltivatori e valorizzare la qualità del prodotto si dovrà sempre più puntare al marchio DOP, l'unico che permette di legare la produzione locale al territorio. In Veneto, infatti, sono 4.500 gli ettari coltivati a oliveti, che quest'anno produrranno 7.500 quintali di olio nella provincia di Verona. Quest'anno la produzione sarà di circa 1/3 inferiore rispetto al quinquennio precedente, ma avrà altissimi livelli di qualità: ricco com'è di acido oleico e polifenoli che contrastano l'azione dei radicali liberi. Oltre a fare bene alla salute, il nostro olio è anche importante per l'economia e per la tutela del territorio. Le piantagioni di olive sono, infatti, spesso coltivate in zone marginali che altrimenti rimarrebbero esposte all'incuria”. 

LE DICHIARAZIONI DEL SINDACO DI MEZZANE SELLA: “Il territorio del nostro Comune misura circa 20 kmq sul quale ci  ci sono 80.000 piante d'olive. Si tratta quindi di una presenza massiccia e importante per la nostra comunità, basti pensare che l'olio che ne ricaviamo è spesso premiato nelle manifestazioni internazionali per le sue qualità. Per questo abbiamo deciso, in una recente delibera, di vietare l'abbattimento degli olivi, importanti per la salvaguardia del paesaggio e del territorio dal punto di vista idrogeologico. Ci impegniamo infatti da anni per tutelare le nostre aziende produttrici, consapevoli dell'eccellenza del prodotto che offriamo. Fra le novità di quest'anno, ci sarà anche un confronto con i produttori di Pratomagno in Toscana”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento