menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Anche il sindaco Sboarina in piazza Bra durante la cerimonia

Anche il sindaco Sboarina in piazza Bra durante la cerimonia

In piazza Bra si è celebrata la festa delle Forze Armate e dell'Unità d'Italia

Si è svolta anche a Verona la cerimonia del 4 novembre per festeggiare il “Giorno dell’Unità Nazionale e giornata delle Forze Armate”, oltre che commemorare i caduti per la Patria

Oggi, in occasione del “Giorno dell’Unità Nazionale e giornata delle Forze Armate”, si è svolta in Piazza Bra la cerimonia Militare Interforze. L’evento è iniziato alle 9.30 con la cerimonia dell’alzabandiera per proseguire con l’inaugurazione di una mostra interforze dove erano presenti mezzi e materiali in dotazione a tutte le Forze Armate ed alla Guardia di Finanza.

Particolare rilievo ha avuto la cerimonia di consegna di due bandiere nazionali da parte del comandante delle Forze Operative Terrestri di Supporto, Generale di Corpo d’Armata Amedeo Sperotto, a due scuole secondarie di secondo grado, l’istituto Cangrande della Scala di Verona e l’istituto Dal Cero di San Bonifacio.

La bandiera data agli istituti scolastici rappresenta la volontà di trasmettere alle giovani generazioni i principi e i valori fondanti delle Forze Armate, il senso del dovere, lo spirito di sacrificio e il senso del servizio. Tre valori immutabili nel tempo che sono propri non solo di chi ha combattuto sul Carso durante la prima guerra mondiale ma di tutti coloro che oggi indossano una divisa al servizio della Patria.

L'intervento del sindaco Sboarina

Il Sindaco Federico Sboarina si è recato in visita, accompagnato dalle rappresentanze militari presenti, alla mostra statica Interforze allestita, in occasione della giornata commemorativa, in piazza Bra. Alle 10.20, il programma delle celebrazioni è proseguito con gli interventi del Sindaco Sboarina, del Comandante delle Forze Operative Terrestri Generale di Corpo d’Armata Amedeo Sperotto, del Prefetto Salvatore Mulas e dell’Oratore ufficiale Bruno Burato. 

«Oggi, a quasi 100 anni dalla fine di quel conflitto – ha ricordato Sboarina – il nostro ricordo commosso va ai Caduti di tutte le guerre, e a tutti coloro, civili e militari, che hanno sacrificato la propria vita per difendere la Patria, la pace e la libertà. Anche in questi ultimi anni, il nostro Paese ha pagato un prezzo in termini di vite umane, per il contributo offerto alle missioni di pace e per collaborare al mantenimento della stabilità e della difesa delle popolazioni civili. In onore di tutti i Caduti nell’adempiere il proprio dovere di salvaguardia della nostra sicurezza, vorrei ricordare i nostri concittadini: il sottotenente dei Carabinieri Enrico Frassanito, vittima dell’attentato di Nassiriya del 27 aprile 2006 e il capitano degli Alpini Manuel Fiorito, deceduto nell’attentato del 5 maggio dello stesso anno in Afghanistan. In questo giorno, tutti i veronesi dovrebbero cogliere il grande esempio di dedizione di coloro che si mettono a disposizione per la nostra sicurezza. Ognuno di noi, nei rispettivi ruoli, deve farne tesoro e agire con spirito di condivisione e di dedizione». 

La mattinata è proseguita con la consegna, da parte del Prefetto di Verona, delle onorificenze al merito della repubblica italiana al personale distintosi in attività di servizio. Lo schieramento interforze era composto dalla banda della scuola Trasporti e Materiali, da un plotone del Reparto Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto di Verona, un plotone del 3° stormo dell’Aeronautica Militare di Villafranca, un plotone del comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Verona e un plotone del comando provinciale della Guardia di Finanza di Verona.

Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha celebrato a Roma il 4 Novembre con un messaggio per la ricorrenza del Giorno dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate: «In questo giorno, in cui ricordiamo la conseguita completa Unità d'Italia e rendiamo onore alle Forze Armate, rivolgo il mio pensiero commosso a tutti coloro che si sono sacrificati sull'Altare della Patria e della nostra libertà, per l'edificazione di uno Stato democratico ed unito. Coltivare la loro memoria significa comprendere l'inestimabile ricchezza morale che ci hanno trasmesso».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento