menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La farmacia mobile ad Arquata del Tronto

La farmacia mobile ad Arquata del Tronto

Terremoto nelle Marche. Partiti i farmacisti veronesi per portare soccorso

Come per il sisma di agosto, anche per la scossa che ha colpito di nuovo il Centro Italia i farmacisti volontari della protezione civile non si tirano indietro

Dopo il sisma di agosto i farmacisti veronesi hanno dato il loro aiuto con una farmacia mobile ad Arquata del Tronto. E ora non tirano indietro dopo il terremoto che mercoledì 26 ottobre ha colpito ancora le Marche.

Oggi, 29 ottobre, è partita la prima squadra di farmacisti volontari della protezione civile di Verona. I farmacisti veronesi Loredana, Matteo e Marco saranno attivi in supporto ai colleghi marchigiani che si trovano ora in grave difficoltà poiché sono 7 le farmacie dichiarate totalmente inagibili mentre altre 3 sono state lesionate in maniera molto grave.

"Ci siamo resi subito disponibili sapendo quanto sia importante portare soccorso farmaceutico e umano alle popolazioni terremotate - ha spiegato Paolo Pomari, presidente dell'associazione farmacisti volontari in protezione civile di Verona - A questa prima squadra ne seguiranno altre, esattamente come accadde quest’estate quando partimmo con la nostra farmacia mobile che, rientrata a Verona solo per pochi giorni, è già presente sul territorio come supporto logistico da tre settimane, dopo l’immediato intervento del 25 agosto. Nonostante questo sia per noi un periodo particolarmente intenso in vista del congresso nazionale che si svolgerà a Verona la settimana prossima, riteniamo giusto essere attivi dove siamo più utili anche perché sarà necessario un grande turnover di farmacisti nelle località colpite dal terremoto in cui confluiranno altre tre farmacie mobili da Piemonte, Sardegna e Puglia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento