Il caso del falso volantino firmato Ministero dell'Interno affisso nei palazzi: «Attenzione»

«Chiunque si imbatta in simili volantini - spiegano dalla questura di Verona - è pregato di segnalarne la presenza alle forze di polizia e di non seguirne le indicazioni contenute»

Il falso volantino griffato "Ministero dell'Interno" che invita ad abbandonare le abitazioni

Si è diffuso in questi giorni, in molte province italiane, un volantino falso scritto su carta intestata del "Ministero dell'Interno-Dipartimento della Pubblica Sicurezza", con il logo della Repubblica Italiana.

Il falso volantino, che in alcune città è stato trovato affisso negli androni dei palazzi e sui muri dei quartieri, invita eventuali non residenti degli stabili a «lasciare le abitazioni che li ospitano, per rientrare nel proprio domicilio di residenza, perché sarebbe in corso l’attività di controllo delle autorità». Riporta anche l’obbligo di presentare, a richiesta, la documentazione di affitto della casa e i propri documenti con foto.

La polizia di Stato invita a fare attenzione. Potrebbe essere l’astuta mossa di qualche malintenzionato per entrare nelle le case in questo periodo di emergenza sanitaria: «Chiunque si imbatta in simili volantini - spiegano dalla questura di Verona - è pregato di segnalarne la presenza alle forze di polizia e di non seguire le indicazioni in essi contenute».

Il post Facebook del sindaco di Verona Federico Sboarina che invita a diffidare del volantino fasullo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento