Aveva addosso un etto di "fumo" e ferisce gli agenti: 18enne in manette

L'arresto è stato compiuto dalla Polizia locale scaligera nel quartiere di Veronetta. Il giovane è stato fermato nella serata di venerdì nei pressi di Salita Santo Sepolcro, nell'ambito dell'operazione "quartieri sicuri"

La droga sequestrata dalla Polizia locale

Nuovo colpo contro lo spaccio messo a segno dalla Polizia locale a Veronetta, dal nucleo “quartieri sicuri”. Venerdì sera, gli agenti dei servizi continuativi hanno arrestato, in flagranza, un moldavo residente in borgo Milano che aveva nascosti nel giubbotto e negli indumenti 101 grammi di hashish. Nonostante la giovane età (il ragazzo è maggiorenne da appena due mesi) lo straniero è stato dunque trovato in possesso di un notevole quantitativo di droga. 

Gli agenti lo hanno fermato nei pressi di salita Santo Sepolcro. Il pusher, però, alla vista delle divise ha tentato di fuggire e per riuscire a liberarsi avrebbe usato anche la violenza, tanto che il personale della Polizia locale, dopo averlo arrestato, ha dovuto ricorrere alle cure del Pronto soccorso.
Il moldavo è stato ammanettato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Una volta fermato, è stato messo a disposizione del Pubblico ministero Silvia Facciotti per la convalida dell’arresto. Lo spacciatore, sabato mattina, è stato condannato a sei mesi di reclusione, pena sospesa.

L’importante risultato contro lo spaccio è il frutto di appostamenti e pedinamenti che la Polizia locale ha realizzato in queste settimane. L’attività di controllo continua nella zona anche attraverso l’utilizzo delle 20 telecamere di videosorveglianza che sono installate a Veronetta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il nuovo gruppo operativo della Polizia locale che, come Amministrazione, abbiamo voluto – ha detto l’assessore alla Sicurezza Daniele Polato – sta ottenendo grandi risultati. Lo dimostrano i numeri dell’operazione ‘Quartieri Sicuri’, attivata da due settimane, e anche questo importante arresto messo a segno dalla task force operativa in città. La costante presenza dei nostri agenti sul campo garantisce un miglior controllo dei quartieri, ma i risultati sono frutto anche della continua collaborazione con i cittadini. Negli ultimi giorni, infatti, avevamo ricevuto varie segnalazioni da parte dei residenti, cui abbiamo garantito interventi mirati. L’arresto di ieri sera e tutte le attività di sorveglianza realizzate sono una risposta concreta ai bisogni di sicurezza e tranquillità dei nostri cittadini. Ovviamente, la lotta allo spaccio è una priorità e su questo fronte non abbasseremo mai la guardia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento