menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Perdono l'orientamento sotto il Corno d'Aquilio, soccorsi due escursionisti

Pensavano di trovarsi vicino alla Grotta del Ciabattino, ma con la geolocalizzazione è stato possibile risalire alla loro reale posizione, la quale era distante da dove i due credevano di essere

Intorno alle 14 di questo pomeriggio, 21 febbraio, il 118 di Verona è stato allertato da una coppia di escursionisti che aveva perso l'orientamento sotto il Corno d'Aquilio, nel territorio comunale di Sant'Anna d'Alfaedo.

Gli escursionisti erano un 41enne veronese di Colognola ai Colli ed una 42enne di Montebello Vicentino. Erano partiti dalla località Tommasi e pensavano di trovarsi vicino alla Grotta del Ciabattino. In realtà, da una verifica con il sistema di geolocalizzazione in dotazione al soccorso alpino, è stato possibile risalire alla loro esatta posizione, la quale era distante da dove i due credevano di essere.
Cinque soccorritori, lasciati i mezzi in zona Le Coste, hanno risalito il sentiero numero 234 e li hanno rinvenuti a circa 1.100 metri di quota, una trentina di metri più in basso rispetto al sentiero. La squadra ha riportato gli escursionisti sul tracciato corretto e poi è rientrata insieme a loro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento