A Natale, anche Equitalia è più buona. Cartelle congelate fino alla Befana

A Verona ne dovevano arrivare quasi 8.000, ne arriveranno 1.300. Per tutte le altre la notifica sarà sospesa fino all'8 gennaio

Niente Equitalia, è festa. Nei prossimi giorni saranno congelati quasi tutti gli atti della riscossione. È il provvedimento assunto dall’amministratore delegato di Equitalia Ernesto Maria Ruffini che consentirà a migliaia di italiani di non avere brutte sorprese sotto l’albero, almeno fino alla Befana. Dal 24 dicembre all’8 gennaio 2017 era previsto l’invio di poco meno di 450mila cartelle, fra cui quasi 8 mila diretti nella provincia di Verona. "È un time out, una sospensione che rientra nel quadro di riforma di un sistema di riscossione che deve essere più dalla parte dei cittadini e non contro - ha spiegato Ruffini - Si può fare riscossione e recupero dell’evasione anche stringendo un patto di fiducia con imprese e cittadini".

L’operazione natalizia ribattezzata Zero Cartelle si inserisce nel percorso di miglioramento del rapporto fisco-contribuenti che negli ultimi mesi ha visto una prima lieve flessione di contribuenti che si recano agli sportelli di Equitalia. Non tutte le cartelle saranno però sospese fino all'8 gennaio prossimo. Nel veronese ne saranno notificate circa 1.300. Comunque, la provincia di Verona sarà quella con più cartelle sospese nel Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento