rotate-mobile
Cronaca

Epidemia taccheggio, supermercati nel mirino

In pochi giorni molti tentativi di furto all'interno dei punti vendita dei centri commerciali

Sembra diventata un'epidemia. Quella dei furti nei supermercati. Nelle ultime due settimane nella zona di Legnago sono stati sventati tre tentativi di taccheggio. L'ultimo in ordine di tempo si è verificato al Famila di Villa Bartolomea il 30 marzo, dove un ventiduenne, irregolare e senza fissa dimora, ha tentato di rubare due bottiglie di superalcolici. Vista la mal parata il giovane ha tentato di fuggire, ma è stato prontamente bloccato dagli addetti alla sorveglianza e dai carabinieri, nel frattempo intervenuti.

Solo due giorni prima era toccato al centro commerciale "Le Vallette" di Cerea
dove, all'interno del negozio Sorelle Ramonda, due giovani marocchini, che vivono entrambi in paese, hanno tentato di scappare dopo essersi impossessati di alcuni capi di abbigliamento per un valore di circa 150 euro. Avendo tolto le placche antitaccheggio. Il responsabile del punto vendita, insospettito, li ha fermati. Venendo minacciato di morte. All'arrivo dei carabinieri sono scattate le manette.

Dieci giorni fa, invece, al supermercato Famila di Porto di Legnago, altri due giovani hanno tentato di trafugare dei prodotti di bellezza e igiene per un valore di cento euro, nascondendo il tutto nello zainetto. Sono stati subito fermati dal direttore del punto vendita e dai carabinieri.


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epidemia taccheggio, supermercati nel mirino

VeronaSera è in caricamento