rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Bra

Turismo, incassi della tassa di soggiorno: Verona seconda solo a Venezia

La stima è che i comuni di tutta la regione incasseranno in totale circa 60 milioni di euro in questo 2017. E il gettito per le amministrazioni locali veronesi è di oltre 10 milioni

Euro più, euro meno, la tassa di soggiorno per i comuni veneti vale circa 60 milioni. Lo ha rivelato uno studio diffuso dalla Fondazione Think Tank Nord Est di Venezia, che ha così stimato gli introiti che le amministrazioni locali ricevono dalla tassa di soggiorno in questo 2017. Una cifra che fa segnare un aumento di circa il 7% rispetto all'anno scorso.

Di questi 60 milioni di euro, circa due terzi andranno nelle casse di Venezia che con 40 milioni di euro si conferma il capoluogo del turismo in Veneto. Al secondo posto però c'è la provincia di Verona con 10,5 milioni di euro. Significa che tra Verona e Venezia sono concentrati oltre l'80% degli incassi della tassa di soggiorno 2017. Al terzo posto in regione c'è Padova, poi Treviso, Belluno, Vicenza e Rovigo.

Anche nella provincia di Verona, gli introiti della tassa di soggiorno non sono equamente distribuiti tra tutti i comuni. Nel casse del capoluogo entreranno infatti quasi 3 milioni di euro, mentre i comuni del lago come Lazise, Bardolino e Peschiera incasseranno ciascuno più di 1 milione di euro. Mediamente però nel veronese le entrate della tassa di soggiorno quest'anno aumenteranno di quasi il 15%.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, incassi della tassa di soggiorno: Verona seconda solo a Venezia

VeronaSera è in caricamento