menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trovati due etti di hashish nascosti sui Bastioni: 18 persone identificate

Il ritrovamento della Polizia municipale è stato possibile grazie al fiuto dei cani antidroga della Polizia locale di Brescia: gli spacciatori occultavano lì la droga per non essere fermati dalle forze dell'ordine con troppe dosi addosso

Due etti di hashish, nascosti tra le pietre in una zona verde lungo i Bastioni, sono stati rinvenuti ieri dagli agenti della Polizia municipale, grazie al supporto dei cani antidroga della Polizia locale di Brescia. La sostanza stupefacente era una sorta di “bancomat” per gli spacciatori che, per non girare con troppe dosi addosso, andavano a rifornirsi dopo aver venduto quanto riuscivano a portare con sé. Un sistema per non essere trovati dalle Forze dell’Ordine in possesso di quantità elevate di droga.

L’attività di venerdì ha portato all’identificazione di 2 cittadini marocchini, privi del permesso di soggiorno, e di altre 16 persone fermate sul posto durante i controlli, per i quali sono state impiegate 6 pattuglie, per un totale di 14 agenti.

La Polizia municipale da giorni stava monitorando i Bastioni, data la presenza di soggetti che stazionavano per diverse ore, ma anche la circonvallazione interna e la zona della Stazione, alla ricerca di spacciatori che vendevano anche a giovani studenti. I controlli sono stati intensificati per garantire maggior sicurezza a tutti quei veronesi e turisti che, date le belle giornate e le festività pasquali, frequentano l’area verde dei Bastioni.

Nel corso dell’ultima settimana, durante un servizio antiprostituzione, sono state identificate anche 8 ragazze nella zona tra la Strada Regionale 11 e la Zai.

hashish 2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento