rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca Valeggio sul Mincio

Nel bungalow, a casa, in auto e anche nelle scarpe, droga per oltre mezzo milione di euro: due arresti

Un 53enne ed un 25enne sono finiti in manette per mano della Guardia di Finanza, che da tempo li teneva d'occhio a causa dei precedenti specifici di uno dei due. Dalla zona di Valeggio, le operazioni si sono spostate a Villafranca e alla fine i due sono stati portati a Montorio

Due uomini sono finiti in manette per detenzione illecita di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, in seguito ad un'operazione anti droga della Guardia di finanza di Verona. Si tratta di un 53enne di origini calabresi residente a Villafranca di Verona e di un 25enne siriano domiciliato nel Mantovano, che da qualche tempo erano finiti sotto la lente d'ingrandimento dei finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, che ne seguivano i movimenti proprio in relazione ai precedenti specifici di uno dei due. 

E così è stato anche nel pomeriggio di mercoledì, quando le fiamme gialle scaligere hanno notato il 53enne entrare con fare guardingo all’interno di un bungalow di un agriturismo situato nella zona di Valeggio sul Mincio, dove è stato poi raggiunto dal giovane di origine straniera. 
Dopo circa un'ora, i due sarebbero stati visti mentre si allontanavano dalle stesse forze dell'ordine, le quali nel frattempo si erano appostate nelle vicinanze e che li hanno fermati mentre tentavano di guadagnare frettolosamente l’uscita a bordo delle rispettive auto.

Alle prime domande dei militari, i due avrebbero mostrato evidenti segni di nervosismo ed insofferenza, inducendoli ad approfondire il controllo. Dubbi che sarebbero poi aumentati quando, incalzati da una serie di ulteriori domande, gli stessi avrebbero fornito risposte contraddittorie e del tutto inverosimili, facendo scattare la perquisizione delle auto. 
All’interno della vettura del 25enne siriano le fiamme gialle hanno così trovato, ben nascosto sotto il sedile del conducente, un sacchetto di plastica contenente un primo quantitativo di cocaina. Nel giubbino del 53enne, invece, hanno rinvenuto una bustina di cellophane con 20 piccole confezioni del medesimo stupefacente, già suddiviso in dosi e ritenuto pronto per essere venduto al dettaglio. 

La perquisione si è così spostata al bungalow, dove i finanzieri avrebbero scovato, ben nascoste sotto la base del mobile della cucina, 3 cassette di sicurezza in metallo al cui interno era custodita dell'altra cocaina e 5 mattonelle di hashish. In camera da letto invece, all'interno di uno zaino riposto in un armadio, le forze dell'ordine hanno rinvenuto altri panetti di hashish e circa 8 chili di sostanza da taglio, oltre a due bilancini di precisione e a 6 stampi in legno utilizzati per il confezionamento dello stupefacente.
Operazioni che infine sono arrivate all'abitazione di Villafranca di Verona del 53enne, dove sono stati recuperati altri 17 panetti di hashish e 10 buste da un chilo l’una circa di marijuana, oltre ad altre bustine di cocaina nascoste nelle scarpe.

I due individui sono stati dunque arrestati e condotto nel carcere di Montorio con l'accusa di detenzione illecita di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, e ora sono a disposizione dell'autorità giudiziaria. 
Le forze dell'ordine stimano che l'interno quantitativo di droga, se venduto al dettaglio, avrebbe potuto fruttare non meno di 500 mila euro. Importo che sarebbe potuto lievitare in considerazione del quantitativo di sostanza da taglio sequestrata. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel bungalow, a casa, in auto e anche nelle scarpe, droga per oltre mezzo milione di euro: due arresti

VeronaSera è in caricamento