Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Via Giuseppe Mazzini

Nuovamente arrestato il borseggiatore di via Mazzini: aveva un documento falso

Si chiamava Buzdugan Vasile durante il processo per il furto con destrezza in via Mazzini, oggi torna a chiamarsi Romanus Radu, Rumeno classe '79 che ha provato a tenere nascosta la propria identità essendo già ricercato per omicidio colposo stradale

Mentre ieri mattina Buzdugan Vasile, rumeno classe 79, era davanti al giudice per aver commesso un furto con destrezza e il prelievo fraudolento di 750 euro con il bancomat della vittima, ai carabinieri che l’avevano arrestato è sorto un dubbio sulla genuinità del suo documento. Così hanno deciso di chiedere ausilio al nucleo della Polizia Provinciale di Verona che si occupa proprio di falsificazione documentale.

I colleghi hanno effettivamente riscontrato ed accertato che il documento di cui si parlava era falso, ed hanno stilato una perizia tecnica. Il soggetto, cosi, è stato nuovamente arrestato con le accuse di: sostituzione di persona, falsa attestazione sulla propria identità ad un pubblico ufficiale, falsa attestazione sulla propria identità davanti al giudice durante il processo, ricettazione e possesso di documento d’identificazione valido per l’espatrio falso. Convalidato l’arresto, il soggetto ha patteggiato una pena di un anno e cinque mesi, con contestuale sospensione.

Dopo complicati accertamenti, i carabinieri del nucleo operativo sono riusciti ad arrivare alla vera identità del rumeno, che si chiama Romanus Radu, ed hanno così capito il motivo del suo falso nome. Su Romanus Radu grava un mandato d’arresto internazionale per omicidio colposo stradale e successiva omissione di soccorso commesso in Romania nel 2010. Deve scontare 5 anni di carcere. Ora si trova a Montorio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovamente arrestato il borseggiatore di via Mazzini: aveva un documento falso

VeronaSera è in caricamento