menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donne al sicuro anche nei locali notturni. A Verona il I° protocollo contro le molestie

Il progetto si chiama “C’è Luisa?” e si rivolge a ragazze e donne che si trovano in una situazione di disagio all’interno di un bar, ristorante o discoteca dal quale vogliono uscire con discrezione e in sicurezza

Verona sarà la prima città in Italia a promuovere il protocollo di sicurezza “C’è Luisa?”, per donne e ragazze che si trovano in una situazione di disagio all’interno di un bar, ristorante o discoteca dal quale vogliono uscire con discrezione e in sicurezza.
In tutti i locali aderenti, nel caso di pericolo o possibili molestie, basterà avvicinarsi al personale del locale e chiedere “C’è Luisa?” per allertare, in modo discreto, lo staff, che procederà con l’allontanamento della possibile vittima, alla quale verrà poi offerto l’aiuto più opportuno: un taxi, una telefonata a casa o, nei casi più gravi, l’arrivo delle forze dell’ordine.
Il progetto, già attivo in Germania e Svizzera con lo stesso slogan, è promosso da Krav Maga, associazione sportiva di difesa personale, con il patrocinio del Comune di Verona. Già dalle prossime settimane, i locali della città potranno aderire all’iniziativa, esponendo il materiale illustrativo e formando il personale. Sono in fase di studio degli accordi con l’associazione RadioTaxi di Verona e con il Sindacato nazionale dei locali da ballo, affinchè il protocollo di sicurezza venga attivato in tutta Italia.
Sul sito www.celuisa.it sono presenti tutte le informazioni relative al progetto e sarà aggiornato, di settimana in settimana, l’elenco delle attività commerciali coinvolte. I locali aderenti saranno sottoposti a controlli e verifiche per assicurare l’applicazione del protocollo.

Il progetto è stato presentato giovedì mattina, in sala Arazzi, dagli assessori al Tempo libero Filippo Rando e alle Pari opportunità Francesca Briani, insieme ai promotori, presidente e vicepresidente dell’associazione sportiva Krav Maga Verona Nicola Provolo e Giacomo Vianello. Presente il presidente della prima Circoscrizione Giuliano Occhipinti.

“Un’iniziativa davvero importante – dichiara l’assessore Rando –, per assicurare a tutto il mondo femminile di potersi sentire al sicuro, soprattutto all’interno dei locali notturni. Azioni come questa permettono di prevenire e arginare situazioni spiacevoli, molestie e violenze ma sono anche uno strumento deterrente”.

“Questo progetto si inserisce nella grande attività di prevenzione e aiuto alle donne vittime di molestie o violenza svolta in città – sottolinea l’assessore Briani –. Sul territorio, infatti, è attiva una rete di assistenza che 24 ore al giorno è in grado di intervenire a supporto delle vittime, che non saranno mai lasciate sole. È quindi con grande soddisfazione che oggi aggiungiamo questo tassello importante”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento