Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Il genio di Zeffirelli spacca la critica con il suo Don Giovanni

Pareri discordanti sulla prima assoluta dell'opera di Mozart in Arena. Presenti all'evento numerose personalità: dal ministro Fornero a Celentano, assente il primo cittadino Tosi

 

È stato il Don Giovanni di Mozart ad aprire la 90^ edizione del Festival Areniano ( repliche  29 giugno , 06 , 12 , 18 e 25 luglio ). Dopo 100 anni  di opere nell’Anfiteatro, la prima volta di Mozart , la prima volta del Don Giovanni, ritenuto uno dei massimi capolavori del compositore austriaco, della storia della musica e della cultura occidentale. Inevitabili, in attesa del debutto, dubbi e perplessità per questo titolo nel cartellone.  A poche ore della prima i pareri erano cauti. “Una scommessa, vedremo…”, aveva detto il regista Renzo Giacchieri. “Sorpresa e incuriosita per questa scelta”, il commento del soprano Cecilia Gasdia. “Opera poco adatta al gigantesco palcoscenico dell’anfiteatro”, aveva mugugnato qualche critico musicale. Non immune da incertezze lo stesso Franco Zeffirelli: “Una sfida. Troppi recitativi.  Ma si sa, l’Arena è il luogo dei miracoli teatrali: farò appello a tutti i trucchi che conosco. Il mio Don Giovanni sarà uno “sporcaccione” , perché squallide sono le sue imprese, immortale però la musica”.
Scommessa, sfida?  Vinta, persa? Dopo il debutto i giudizi divergono. Qualche perplessità sulla compagnia di canto. Unanime comunque una convinzione: la cifra del genio di Zeffirelli c’è tutta.
Poche ore prima della rappresentazione si è svolto l’esclusivo ricevimento  per “vip” al museo Lapidario. Tra le antiche pietre a ricevere gli ospiti era stato il presidente di Confindustria Verona Andrea Bolla.  Un parterre difficile da elencare: dalla ex numero uno di Confindustria Emma Marcegaglia a Riccardo Cocciante  (prossimo un suo nuovo progetto in Arena ), dall’evergreen Giovanni Rana ad Alberto Bombassei, passando per Cecilia Gasdia, Renzo Giacchieri e Gianmarco Mazzi  (elettrizzato per lo show in Arena ai primi di ottobre del “predicatore”). Infine, c’era pure l’ex ragazzo della via Gluck: Adriano Celentano.
Turbinio di colori delle mise lunghe, medie, corte, ma rigorosamente griffate, delle gentil dame presenti. Sul filo di lana l’ingresso di Elsa Fornero, ministro del Welfare con portafoglio e foulard, che si concede suadente  ai “media” e, invitata ad un brindisi, alza la coppa ed esclama “Al lavoro!”. Urla e fischi l’anno accolta, però, al suo ingresso in Arena. Desaparecido il sindaco di Verona Flavio Tosi.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il genio di Zeffirelli spacca la critica con il suo Don Giovanni

VeronaSera è in caricamento