Va dal medico e poi si ferma al bar, ma era ai domiciliari e finisce nei guai

La donna aveva le autorizzazioni necessarie per recarsi dal dottore, dopo però, anziché tornare a casa, si è fermata in un locale nella zona di Oppeano, dove è stata intercettata dai carabinieri nella serata del 18 febbraio

I carabinieri davanti al tribunale di Verona

Risultava residente a Oppeano ma Z.D., classe 1974, era stata messa ai domiciliari a San Pietro di Morubio, ma intorno alle ore 21 del 18 febbraio è finita nei guai per essere stata trovata in un bar situato proprio nella zona di Oppeano. 
Nelle ore precedenti la donna si era recata dal medico dopo aver ricevuto le necessarie autorizzazioni, ma invece di tornare subiro a casa aveva raggiunto il comune della Bassa Veronese e lì si era trattenuta, fino a quando non è stata intercettata dai carabinieri del Norm di Legnago che l'hanno arrestata. 
Nella mattinata di mercoledì si è svolta la direttissima, al termine della quale il gip Alessia Silvi ha convalidato il provvedimento e condannato Z.D. ad un anno di reclusione, prima farla riaccompagnare ai domiciliari. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento