Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Fermati con documenti falsi e moduli per richiederli all'estero: arrestati

I due sono stati intercettati per un controllo dai carabinieri di Illasi mentre si recavano in un'azienda di Cazzano di Tramigna per acquistare del vino da esportare

I carabinieri di Illasi a Cazzano di Tramigna

I carabinieri della stazione di Illasi stavano svolgendo uno dei consueti servizi di perlustrazione del territorio, quando hanno effettuato un controllo su un'auto fermata a Cazzano di Tramigna nel pomeriggio di martedì. A bordo del veicolo, con targa italiania, c'erano due persone che stavano per entrare in un'azienda vitivinicola locale: il conducente avrebbe esibito ai militari una patente di guida apparentemente rilasciata dalla autorità polacca, riferendo di voler concludere con il titolare dell'azienda un "affare" per l'acquisto di vini da esportare all'estero.  

Durante l'attento controllo del documento però, i militari avrebbero notato alcune incongruenze nei dettagli di stampa e irregolarità nei sistemi di sicurezza, tanto che, insospettiti, hanno eseguito immediatamente ulteriori accertamenti, appurando che la patente era falsa
I due, successivamente identificati come cittadini nigeriani, sarebbero stati poi trovati in possesso anche di una ventina di moduli in bianco, in lingua inglese, che solitamente vengono utilizzati all’estero per presentare istanza di rilascio di documenti di identità. Inoltre, ben nascoste sotto i sedili dell'auto, sarebbero state rinvenute due carte di identità rilasciate dalla Polonia, risultate anche queste false, come anche certificato dal Laboratorio Analisi Documentale – L.A.D. della Polizia locale di Verona: a quel punto è scattato l'arresto, poiché i due le avrebbero potute utilizzare per espatriare

Mercoledì mattina, in seguito al rito direttissimo, il provvedimento è stato convalidato e il procedimento verrà definito a fine giugno prossimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermati con documenti falsi e moduli per richiederli all'estero: arrestati

VeronaSera è in caricamento