rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Sommacampagna / Via Aeroporto

Documenti falsi all'aeroporto Catullo. Due uomini arrestati ed espulsi dall'Italia

La polizia di frontiera li ha fermati domenica pomeriggio, a qualche ora di distanza uno dall'altro: entrambi erano in possesso di un passaporto turco e di un visto per la Gran Bretagna, i quali però sono risultati essere falsi

A distanza di circa quattro ore uno dall'altro, hanno provato ad imbarcarsi su un volo Easy Jet diretto all'aeroporto di Gatwick, Londra, ma non hanno fatto i conti con i controlli capillari messi in atto al Catullo dalla Polizia di Frontiera, volti a contrastare la minaccia terroristica. Così due passeggeri che hanno esibito il passaporto turco con visto per la Gran Bretagna, sono finiti nei guai nel pomeriggio di domenica. 
Quando hanno presentato i documenti, le analisi eseguite dagli agenti della Polaria con sofisticati sistemi di anifalsficazione hanno rilevato delle anomalie sia sui passaporti che sui visti. Entrambi allora sono stati sottoposti al profiling (l'intervista dedicata), che ha messo in luce sia il fatto che non conoscevano la lingua inglese, sia le motivazioni poco convincenti in merito al loro viaggio. 

Condotti negli uffici della Polizia di Frontiera, i due sono stati sottoposti al fotosegnalamento, dal quale è risultato che uno dei due, A.A., 26enne che si professava di nazionalità turca, aveva già provato a raggiungere il Regno Unito utilizzando documenti contraffatti, mentre S.M., 40enne che a sua volta affermava di avere origini turche, utilizzava questo espediente per la prima volta. 
Sequestrati passaporti e visti, i due sono stati arrestati in flagranza di reato e nella mattinata di lunedì sono comparsi davanti al giudice per la direttissima. A.A. è stato condannato ad una pena di 1 anno e 4 mesi di reclusione, mentre S.M. a 10 mesi: tutti e due sono stati espulsi dall'Italia. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Documenti falsi all'aeroporto Catullo. Due uomini arrestati ed espulsi dall'Italia

VeronaSera è in caricamento