Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca Centro storico / Piazza Cittadella

Lunedì scatta il divieto di circolazione per i veicoli non catalizzati: tutte le informazioni utili

Il blocco del traffico prenderà il via lunedì 12 ottobre e terminerà il 13 maggio, con una pausa per le festività natalizie dal 4 dicembre al 7 gennaio

Da lunedì 12 ottobre entra in vigore su tutto il territorio comunale il divieto di circolazione per i veicoli non catalizzati.
Il fermo del traffico sarà in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.30, dal 12 ottobre al 4 dicembre 2015 e, dopo una pausa per le festività natalizie, dal 7 gennaio al 13 maggio 2016, con esclusione delle festività infrasettimanali. Anche quest’anno le deroghe vengono estese ai veicoli di pensionati in bassa fascia di reddito (ISEE inferiore a 16.631,71 euro), i quali potranno quindi circolare muniti di titolo autorizzatorio e di copia dell’attestato ISEE in corso di validità.

CHI NON PUÒ CIRCOLARE: 

  • veicoli a benzina Euro 0;
  • veicoli diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2;
  • motoveicoli e ciclomotori Euro 0, cioè non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE ed il cui certificato di circolazione o di idoneità tecnica sia stato rilasciato in data antecedente al 1° gennaio 2000.

DEROGHE - Sono escluse dal divieto di circolazione le seguenti categorie di veicoli:

  1. autoveicoli ad emissione nulla, cioè con motore elettrico;
  2. autoveicoli con motore ibrido elettrico e termico;
  3. autoveicoli con motore alimentato a metano o g.p.l.;
  4. autobus adibiti al servizio pubblico di linea compresi i mezzi di servizio;
  5. veicoli che effettuano car pooling, ossia trasportano almeno tre persone a bordo se omologati a quattro o più posti, oppure con due persone a bordo se omologati a due posti;
  6. veicoli che trasportano farmaci, prodotti per uso medico e prodotti deperibili il cui trasporto non possa essere rinviato, da provarsi con documento di trasporto;
  7. veicoli al servizio di portatori di handicap, muniti di contrassegno, e di soggetti affetti da gravi patologie, debitamente documentate con certificazione rilasciata dagli Enti competenti (strutture ospedaliere e commissioni ASL), ivi comprese le persone che hanno subito un trapianto di organi o che sono immunodepresse;
  8. veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per sottoporsi a visite mediche, cure e analisi programmate (da documentare con autocertificazione), nonché per esigenze di urgenza sanitaria da comprovare successivamente con il certificato medico rilasciato dal Pronto Soccorso;
  9. veicoli di operatori sanitari e assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro o dell’Ente per cui operano che dichiari che l’operatore sta prestando assistenza domiciliare a persone affette da patologie per cui l’assistenza domiciliare è indispensabile, nonché veicoli di persone che svolgono servizi di assistenza domiciliare a persone affette da grave patologia con certificazione in originale rilasciata dagli Enti competenti o dal medico di famiglia (da documentare con autocertificazione);
  10. veicoli di servizio e i veicoli utilizzati per assolvere ai compiti d'istituto delle Pubbliche Amministrazioni, compresa la Magistratura, i Corpi e Servizi di Polizia Municipale e Provinciale, le Forze di Polizia, i Vigili del Fuoco, le Forze Armate, gli altri Corpi armati dello Stato;
  11. veicoli utilizzati per assicurare la produzione e distribuzione di energia nonché la gestione e la manutenzione dei relativi impianti, limitatamente a quanto attiene alla sicurezza degli stessi;
  12. veicoli utilizzati per la raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e speciali;
  13. veicoli utilizzati per i servizi cimiteriali limitatamente al trasporto, ricevimento ed inumazione delle salme;
  14. veicoli utilizzati per assicurare i servizi manutentivi di emergenza (da documentare con autocertificazione);
  15. veicoli utilizzati per il servizio attinente alla manutenzione della rete stradale (ivi compreso lo sgombero delle nevi), idrica, fognaria e di depurazione;
  16. veicoli che debbano recarsi alla revisione obbligatoria (con documenti dell'ufficio della Motorizzazione Civile o dei Centri di Revisione Autorizzati) limitatamente al percorso strettamente necessario all’andata e al ritorno;
  17. veicoli dei donatori di sangue muniti di appuntamento certificato per la donazione;
  18. veicoli di lavoratori limitatamente ai percorsi casa-lavoro e viceversa per turni con inizio e/o fine in orari non coperti dal servizio di trasporto pubblico di linea (da documentare con autocertificazione);
  19. tutti i veicoli limitatamente ai percorsi casa -1^ fermata del servizio di trasporto pubblico, distante oltre 900 metri (da documentare con autocertificazione);
  20. veicoli di sacerdoti e ministri di culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero, muniti di titolo autorizzatorio;
  21. veicoli partecipanti ai cortei del carnevale;
  22. veicoli di interesse storico e collezionistico, di cui all’art. 60 del Nuovo Codice della Strada, in possesso dell’attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registi storici, e ai veicoli con targa A.S.I. o di Registro esposta;
  23. veicoli classificati macchine agricole ai sensi dell’art. 57 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285, nell’ambito della regolare pratica agronomica;
  24. veicoli con targa estera intestati a persone residenti all’estero.
  25. veicoli di pensionati in bassa fascia di reddito (ISEE inferiore a 16.631,71 Euro), muniti di titolo autorizzatorio e di copia dell’attestato ISEE in corso di validità.

DOVE NON SI PUÒ CIRCOLARE - Le disposizioni si applicano a tutto il territorio comunale.

DOVE SI PUÒ CIRCOLARE - La circolazione è consentita esclusivamente nei seguenti tratti stradali:

  • Tangenziale est (da via Valpantena all’altezza dello svincolo di Poiano fino al raccordo verso il casello autostradale di Verona est e la vicina Tangenziale sud);
  • Tangenziale sud (dal raccordo del casello autostradale di Verona est fino a quello del casello di Verona nord);
  • tratti autostradali ricadenti in territorio comunale;
  • itinerario verso la Fiera di Verona, limitatamente al seguente percorso: uscita dalla Tangenziale sud, casello autostradale di Verona sud, viale delle Nazioni, largo del Perlar, viale del Lavoro fino al piazzale della Fiera, per il percorso più breve (in andata e ritorno) compresa l’area di parcheggio di via Scopoli;
  • itinerario verso i parcheggi dello Stadio comunale “Marcantonio Bentegodi” e del Palazzetto dello Sport “Città di Verona” limitatamente al seguente percorso: casello autostradale di Verona nord lungo la mediana di Verona con uscita obbligatoria allo svincolo che conduce ai parcheggi dello Stadio (in andata e ritorno).

SANZIONI - La violazione del provvedimento comporta una sanzione amministrativa di 164 euro e, nel caso di due sanzioni nel biennio, anche alla sospensione della patente da 15 a 30 giorni.

TITOLO AUTORIZZATORIO E MODALITÀ DI ACCERTAMENTO - Il titolo autorizzatorio sarà costituito da un'autocertificazione che dovrà contenere gli estremi del veicolo, le indicazioni dell'orario, del luogo di partenza e di destinazione, oltre alla motivazione del transito.
Dovrà essere esposto bene in vista ed esibito agli organi di polizia stradale che ne facciano richiesta. L'autocertificazione dovrà contenere la seguente formula: “Il/la sottoscritto/a è a conoscenza delle conseguenze penali che derivano, ai sensi dell'art.76 del T.U. sull'autocertificazione, qualora la presente dichiarazione risultasse mendace a seguito dei controlli che il competente ufficio si riserva di eseguire in forza dell'art. 43 dello stesso T.U.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lunedì scatta il divieto di circolazione per i veicoli non catalizzati: tutte le informazioni utili
VeronaSera è in caricamento