menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Diabete e disagio psicologico, meeting internazionale di tre giorni a Verona

Ad ospitarlo, dal 3 al 5 maggio, all'Shg Hotel è l'unità operativa di endocrinologia, diabetologia e malattie del metabolismo dell'azienda ospedaliera scaligera

Un meeting internazionale di tre giorni per presentare le più recenti ricerche sui rapporti tra psiche e diabete.

È l'unità operativa di endocrinologia, diabetologia e malattie del metabolismo di Verona ad avere l'onore di ospitare dal 3 al 5 maggio all'Shg Verona Hotel l'incontro annuale del gruppo di studio PsychoSocial Aspect in Diabetes (Psda). È un gruppo di studio ufficiale dell'European Association for the Study of Diabetes (Easd), la massima istituzione scientifica europea dell'area del diabete.

I relatori discuteranno diverse tematiche fra cui uno spazio rilevante sarà dedicato alla depressione, agli interventi psicologici più efficaci in persone con diabete e agli effetti psicologici delle nuove tecnologie impiegate oggigiorno per la gestione del diabete. All'incontro parteciperanno ricercatori e clinici provenienti da Inghilterra, Danimarca, Spagna, Olanda, Stati Uniti, Francia, Germania, Argentina e Australia.

Il diabete è una patologia complessa che richiede, a chi ne è affetto, di aderire ad un regime terapeutico articolato che include non solo l'assunzione giornaliera di farmaci, un regolare automonitoraggio glicemico domiciliare, frequenti esami e visite mediche ma anche una sostanziale modifica delle proprie abitudini di vita rispetto ad alimentazione e attività fisica. Proprio per questo, la gestione del diabete è considerata un processo complesso, influenzato da un ampio spettro di variabili individuali, sociali e ambientali che interagiscono tra di loro.

Inoltre, disturbi psicopatologici e disagio psicologico sono fattori individuali che giocano un ruolo importante nell'autogestione del diabete e nel controllo della malattia. È noto infatti che il diabete tende ad associarsi a un elevata prevalenza di depressione, sintomi depressivi e disagio psicologico ma nonostante le numerose evidenze scientifiche tali problematiche sono spesso non diagnosticate e pertanto trascurate. Da alcuni anni l'unità operativa scaligera è attivamente impegnata nella diagnosi e nel supporto psicologico di persone con diabete nonché nella ricerca scientifica. Entrambi gli aspetti sono curati soprattutto dalla dottoressa Liliana Indelicato, il cui intervento di natura psicologica ha permesso in non pochi casi un netto miglioramento del compenso glicemico. Nello svolgimento di questa attività la dottoressa intrattiene strette relazioni coi diabetologi e con gli altri psicologi e gli psichiatri dell'azienda ospedaliera di Verona, nel contesto di un'attività multidisciplinare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento