Complesso Ditta Vittoria, destinazione d'uso mutata: soldi per riqualificare Corso Venezia

La decisione del Consiglio consentirà alle casse comunali di incamerare un contributo di sostenibilità di 415 mila euro, vincolato alla riqualificazione di Corso Venezia e alla realizzazione di una rotonda

Un tratto di Corso Venezia a Verona

Con 28 voti favorevoli e 3 contrari, il Consiglio comunale ha approvato nella serata di ieri il parziale cambio di destinazione d’uso del complesso produttivo della Ditta Vittoria srl di Corso Venezia. Il permesso, in deroga al vigente Piano degli Interventi, porterà nelle casse comunali un contributo di sostenibilità di 415 mila euro, vincolato alla riqualificazione di Corso Venezia e alla realizzazione di una rotonda in corrispondenza dell’incrocio tra via Quattro Stagioni, via Fiumicello e via Belviglieri.

Il cambio di destinazione d’uso, che prevede la parziale riconversione di stabili produttivi attualmente non attivi, in parte a commerciale (da 1.902 a 2.559 metri quadri) ed in parte a direzionale (da 1.121 a 1.031 metri quadri), mediante ristrutturazione edilizia, non comporta alcun aumento della superficie coperta. Sono stati accolti dall’Amministrazione comunale i due ordini del giorno collegati alla delibera, che invitano la Giunta a «farsi tramite con la proprietà dell’area affinchè la realizzazione delle opere compensative sia tempestiva al fine di migliorare la sicurezza» e «a far evidenziare attraverso cartelli stradali specifici le aree a parcheggio nel rispetto degli orari previsti di apertura delle attività commerciali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Su richiesta dell’assessore all’Urbanistica, è stata rinviata all’esame della commissione competente la delibera relativa alle osservazioni, nell'ambito della procedura di valutazione d'impatto ambientale, del progetto di ampliamento della cava "Bertacchina". Motivo del rinvio la richiesta da parte della ditta Biondani di una proroga al 31 dicembre 2026 dei lavori, che interesserebbero una superficie di 22.200 metri quadri di cava, per un volume di materiale utile di 325 mila metri quadri. L’illustrazione e il dibattito del documento si erano tenuti nella seduta di giovedì 11 gennaio; una cinquanta gli emendamenti collegati presentati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Temporali in arrivo dopo il gran caldo: stato di attenzione in Veneto fino a martedì

  • Scontro tra auto e bici a Verona, 40enne in rianimazione: si cercano testimoni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento