Citrobacter a Borgo Trento, una madre denuncia: «Ha ucciso mio figlio»

Dopo il caso della piccola Nina, ne spunta un altro. E sarebbero almeno una dozzina i neonati morti o con disabilità a causa del batterio

(Foto generica di repertorio)

Da oggi, 15 giugno, dovrebbe essere operativo il reparto di terapia intensiva e pediatrica dell'ospedale di Borgo Trento, spostato nel padiglione 13 per permettere la bonifica delle sale dove si trovava precedentemente. Mentre il punto nascita del principale ospedale di Verona rimane aperto solo ai parti di emergenza; le altre nascite sono state programmate negli altri ospedali del territorio. Il ribattezzato "ospedale della mamma e del bambino" si è fermato per sanificarsi, sperando di eliminare il citrobacter che si annida al suo interno.

Il citrobacter è il batterio che ha provocato la morte di una bambina, Nina, nata prematura a Borgo Trento nell'aprile 2019 e deceduta dopo poche settimane. L'infezione da citrobacter aveva colpito il cervello della neonata, la quale si è poi spenta nell'hospice pediatrico di Genova. Il sospetto, da cui è partita anche un'indagine della magistratura, è che Nina abbia contratto il batterio nell'ospedale veronese. E il suo non sarebbe l'unico caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Camilla Ferro, su L'Arena di oggi, 15 giugno, riporta la testimonianza di un'altra mamma, nome di fantasia Anna, che ha partorito due gemelli il 6 ottobre scorso a Borgo Trento. I due neonati erano prematuri e sono stati tenuti in due diverse termoculle per aiutarli nei primi, delicati, giorni di vita. Sono un maschietto ed una femminuccia. Lei sopravvive, lui morirà sei mesi più tardi, 29 marzo, per l'infezione da citrobacter.
Il racconto di Anna è intriso di lacrime e dolore. Il dolore di una madre che sente di aver scelto per partorire il luogo dove il figlio potrebbe aver contratto il batterio che lo ha ucciso. E come lei altre madri, come quella di Nina, ora hanno il cuore spezzato per la morte o per le disabilità riportate dai propri figli a causa del citrobacter. Almeno una dozzina di casi, secondo Anna; casi che si sarebbero dovuti evitare e per questo, lei spera, che qualcuno paghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante veronese: "Chiuso.. fino a sepoltura del nostro amatissimo Giuseppe Conte"

  • Senza patologie, 55enne morto per Covid. La moglie: «Questo mostro c'è»

  • Cena all'alba da tutto esaurito in un ristorante di Verona: bollito e pearà alle ore 5.30

  • Nuovo Dpcm, c'è la firma del premier Conte: stop servizio al tavolo nei locali dalle ore 18

  • Regioni contro il Dpcm, la lettera: «Chiusura ristoranti alle 23, cinema e palestre aperti»

  • Ripescato dai pompieri un cadavere nel fiume Adige a Verona: si tratta di una donna 55enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento