De' Longhi dona tre milioni contro il coronavirus

Il gruppo ha deciso di contribuire alla lotta contro l'epidemia

Il Gruppo De' Longhi dona tre milioni di euro per le iniziative di lotta contro il Covid-19. Di questo importo, due milioni andranno a favore della Regione Veneto, a sostegno di tutte le sue attività e strutture impegnate in prima linea nella lotta al coronavirus, e un milione  a favore dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È un contributo di solidarietà che riteniamo doveroso - commenta il presidente Giuseppe De' Longhi - per un territorio a cui questa società e la mia famiglia si sentono intimamente legati ed il segno di una presenza tangibile, per quello che ci compete come azienda, in questo momento di estrema necessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Hellas Verona - Genoa, probabili formazioni | Difesa gialloblù in emergenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento