Maltempo, nei campi coltivati del Veronese un disastro: «Centinaia di milioni di euro di danni»

«Il bilancio purtroppo è senza fine e coinvolge il distretto dell’ortofrutta veronese, oltre che quello vitivinicolo con la Valpolicella e la zona del Soave», spiega Coldiretti Verona

I danni del maltempo nei campi veronesi

Numerosi gli agricoltori veronesi impegnati nella presentazione delle denunce per danni subìti alle strutture. Coldiretti Verona evidenzia il sistema di presentazione digitale delle istanze attivato dagli uffici di Avepa, l'Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura, per le dichiarazioni delle perdite subite agli impianti dei frutteti e vigneti, reti antigrandine, annessi rustici, serre e ricoveri animali e attrezzi. «I numeri aumentano di ora in ora - spiegano i tecnici di Coldiretti - e sono ingenti. Stalle scoperchiate e allevamenti avicoli da ristrutturare».

Un sistema di protezione delle colture «vale da 25 mila di euro a ettaro (modello base) fino a 40 mila euro il modello più evoluto», precisano gli esperti che sottolineano poii come «alla conta si aggiungano le di richieste di calamità per i raccolti perduti di kiwi, uva e ortaggi colpiti nelle campagne veronesi dopo il primo nubifragio. Valori la cui entità è di centinaia di milioni», sostengono i tecnici di Coldiretti.

Vigneti Valpolicella Corrubbio San Pietro in Cariano - foto lettori Tziano Venturini 1 settembre 2020

Vigneti Valpolicella Corrubbio San Pietro in Cariano - foto lettori Tiziano Venturini

I danni nei campi dopo gli ultimi due weekend di maltempo sono stati davvero notevoli, purtroppo, nelle campagne del Veronese: piante sradicate, frutta dispersa, uva rovinata, tetti smantellati, metri quadri di reti con tiranti e pali strappati, impianti di vigneti e frutteti spezzati: «Il bilancio purtroppo è senza fine e coinvolge il distretto dell’ortofrutta veronese compresa l’area della bassa, oltre che quello vitivinicolo con la Valpolicella e la zona del Soave. Il fatturato agricolo scaligero - rilevano ancora i tecnici di Coldiretti - è di circa 2 miliardi di euro (il 35% del totale regionale). Incalcolabile l’opera di ripristino per frane e smottamenti in montagna e sulle colline che richiede anni e una continua manutenzione. In questo senso la presenza degli agricoltori è di presidio del territorio: purtroppo difronte ad eventi atmosferici cosi intensi nulla si può fare, neanche l’investimento di massima copertura è riuscito a fermare la furia del maltempo».

Vigneti Valpolicella Corrubbio San Pietro in Cariano - foto lettori Tziano Venturini

Vigneti Valpolicella Corrubbio San Pietro in Cariano - foto lettori Tiziano Venturini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento