Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Centro storico / Via Tezone

Lotta al cyber-bullismo nelle scuole, chiesti più uomini per la polizia postale

La richiesta viene dal Coordinamento Nazionale Docenti per la disciplina dei Diritti Umani, che ha constatato un sottodimensionamento dell'organico.

Il Coordinamento Nazionale Docenti per la disciplina dei Diritti Umani, in merito alla sensibilizzazione e conoscenza del fenomeno del bullismo e cyberbullismo all'interno delle scuole, segnala di aver constatato il sottodimensionamento dell'organico di polizia postale.

Per evitare una riduzione degli interventi all'interno dell'ambiente scolastico e considerata l'importanza del personale che combattere e reprimere i più vari reati connessi alla rete virtuale, il Coordinamento chiede agli organi ministeriali competenti di porre rimedio al più presto a questa sitazione.

"Il cyberbullismo è un fenomeno molto grave - ha ricordato il presidente del Coordinamento Romano Pesavento - in pochissimo tempo le vittime possono vedere la propria reputazione danneggiata in una comunità molto ampia; anche perché i contenuti diffamatori, una volta pubblicati, possono riapparire a più riprese in luoghi diversi. Spesso i genitori e gli insegnanti ne rimangono a lungo all'oscuro, in quanto non hanno accesso alla comunicazione in rete degli adolescenti. Pertanto può essere necessario molto tempo prima che un caso venga alla luce, comportando profonda sofferenza psichica, a volte letale, per i soggetti presi di mira. Solo attraverso l'azione comune tra scuola e forze dell'ordine riusciremo a informare gli studenti della gravità di tale fenomeno sociale ed educarli all'empatia e al rispetto di sé, degli altri e dell'ambiente circostante".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta al cyber-bullismo nelle scuole, chiesti più uomini per la polizia postale

VeronaSera è in caricamento