Coronavirus, a Verona nuova impennata: con 547 positivi è la seconda provincia in Veneto

Sono 66 nuovi casi nel territorio veronese, un decesso a Negrar e crescono anche i ricoveri che sono ora 176 di cui 44 in terapia intensiva. In tutto il Veneto saliti a 2.923 i positivi

Tende della protezione civile all'ospedale di Negrar

Secondo l'ultimo bollettino della Regione Veneto con i dati aggiornati alle ore 17 di oggi, martedì 17 marzo, il bilancio dei soggetti positivi al coronavirus "Sars-CoV-2" sull'intero territorio regionale è di 2.923, rispetto a stamane 219 casi in più. Ancora una volta è la provincia di Verona a far segnare il differenziale di crescita più cospicuo, passando dai precedenti 481 casi agli attuali 547 (+66), segnando il record negativo e sorpassando, seppur di soli 4 casi, la provincia di Treviso (543). Ad oggi Verona si attesta così al secondo posto in Veneto per numero di casi, dietro soltanto a quella di Padova (723 casi oltre al cluster di Vo' sempre stabile a quota 82).

Per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri si è arrivati in tutto il Veneto a quota 770 (+51), distribuiti come segue: 593 in area non critica e 177 in terapia intensiva. Per quanto riguarda nello specifico la provincia di Verona, si è arrivati a un totale di 176 ricoveri (+17 rispetto a questa mattina), di cui 132 in area non critica (+16) e 44 in terapia intensiva (+1). 

Nel territorio veronese i pazienti sono distribuiti come segue: all'ospedale di Borgo Roma 49 rcoveri in area non critica (+8 rispetto a stamane) e 14 in terapia intensiva, a Borgo Trento 4 ricoveri in area non critica (+4) e 14 in terapia intensiva (+2), mentre all'ospedale di Legnago sono 15 i ricoveri in area non critica (+6) e 7 quelli in terapia intensiva (+1). All'ospedale di San Bonifacio calano a 2 i ricoveri in area non critica (-1), mentre a Villafranca di Verona si sale a 6 (+1) sempre in area non critica. All'ospedale "Sacro Cuore Don Calabria" di Negrar si contano poi 40 ricoveri in area non critica (-3), altri 9 pazienti in terapia intensiva (dato stabile rispetto al mattino) e, purtroppo, anche un nuovo decesso (3 in totale), mentre sono saliti a 6 i pazienti dimessi (+3). Infine, all'ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda sono 16 i ricoveri in area non critica (+1), mentre sono scesi a 0 i ricoveri in terapia intensiva (-2 rispetto al mattino).

Salgono ancora i morti in tutto il Veneto, arrivando a quota 89 (+9 rispetto a stamane), così come salgono anche i soggetti dimessi che passano dai 136 di questa mattina agli attuali 147 in tutta la regione.

bottacin 17 marzo 2020

Post Facebook dell'assessore regionale alla Protezione civile Gianpaolo Bottacin

(FONTE DATI REGIONE VENETO)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Giovane veronese muore in un incidente il giorno del compleanno al rientro dal lavoro

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

Torna su
VeronaSera è in caricamento