Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

Salgono a 1.402 (+85) i positivi in terra veronese, 3.466 le persone in isolamento domiciliare, mentre i ricoveri ospedalieri sono 486 (+17) in totale nella provincia scaligera

Tende triage coronavirus

Secondo gli ultimi dati forniti dalla Regione Veneto e aggiornati alle ore 8 di questa mattina, giovedì 26 marzo, i casi di soggetti positivi al coronavirus "Sars-CoV-2" sono saliti sul territorio regionale a quota 6.935 (+353). Nella sola provincia di Verona i nuovi casi sono 85 in più rispetto a ieri sera, portando il computo totale a 1.402 per il territorio scaligero. Cresce di conseguenza anche il numero delle persone sottoposte alla misura dell'isolamento domiciliare: alle 20 di ieri sera troviamo infatti 17.457 soggetti in isolamento in tutta la regione e 3.466 in terra veronese (+200 rispetto alle 24 ore precedenti).

Tutti dati questi ultimi che devono essere osservati necessariamente in rapporto al numero di ricoveri negli ospedali. In Veneto si è passati dai 1.754 ricoveri di ieri sera agli attuali 1.773 (+19 rispetto a ieri sera), di cui 1.447 in area non critica (+11) e 326 in terapia intensiva (+8). Nella sola provincia scaligera si contano attualmente 486 ricoveri ospedalieri (+17 rispetto a ieri), di questi 386 in area non critica (+14) e 100 in terapia intensiva (+3). Sono poi da segnalare, purtroppo, 3 nuovi decessi, uno all'ospedale di Borgo Roma, un altro in quello di Borgo Trento ed un terzo infine al "Mater Salutis" di Legnago.

Scendendo nel dettaglio della situazione veronese, i pazienti risultano al momento così distribuiti: in Borgo Roma troviamo 78 persone in area non critica (+10) e 23 in terapia intensiva (dato stabile), mentre in Borgo Trento sono 38 i ricoveri in area non critica (-4) e 35 in terapia intensiva (dato stabile). All'ospedale di Legnago, nuovo decesso a parte, la situazione è rimasta invariata nei numeri con 50 ricoveri in area non critica e 8 in terapia intensiva, mentre all'ospedale di San Bonifacio sono saliti a 11 i ricoveri in area non critica (+2), nessuno invece in terapia intensiva (dato stabile). L'ospedale di Villafranca di Verona, selezionato per la provincia scaligera quale "Ospedale Covid", troviamo al momento ben 127 ricoveri in area non critica (+7) e 17 in terapia intensiva (+1). Chiudono infine il quadro i 58 pazienti in area non critica (-1) e gli 8 in terapia intensiva (+2) all'ospedale "Sacro Cuore Don Calabria" di Negrar, oltre ai 24 pazienti in area non critica e i 9 in terapia intensiva all'ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda (in entrambi i casi i dati sono stabili).

In tutta la regione Veneto il computo dei decessi è salito a quota 287, con 14 nuove morti di cui appunto 3 negli ospedali veronesI, dove sino ad oggi sono state nel complesso 72 le persone ad aver perso la vita dal 21 febbraio scorso. Sono cresciuti in numero anche i pazienti dimessi dagli ospedali veneti, in totale oggi 508 con 23 nuove dimissioni rispetto a ieri sera. Nella sola provincia di Verona si contano 2 nuove dimissioni in Borgo Roma ed altre 4 in Borgo Trento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(FONTE DATI REGIONE VENETO)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento