Contagi ridotti al minimo, ma crescono sempre le vittime del coronavirus

Dalle 8 alle 17 di Pasquetta, il numero degli infettati rimane stabile nel Veronese e diminuisce la pressione dei pazienti Covid-19 negli ospedali. Ma i decessi si contano ancora

Foto generica di repertorio

In nove ore non è cambiata molto la fotografia scattata alla diffusione del coronavirus in Veneto. Dopo il rilevamento fatto questa mattina, 13 aprile, alle 8, la Regione ha diffuso un report aggiornato alle 17. I mutamenti sono pochi e quasi tutti in positivo.

I CASI POSITIVI. In Veneto si continuano a svolgere test a tampone per individuare i cittadini contagiati dal virus. Il totale dei test positivi è salito da questa mattina a 14.288 (+37 casi positivi rispetto alle 8 di oggi), ma sono diminuti i veneti attualmente positivi al test, passati da 10.766 a 10.710. Aumentano quindi gli abitanti del Veneto negativizzati (2.679) ma purtroppo anche i deceduti (899).
In provincia di Verona la situazione è simile. Ci sono 8 nuovi casi positivi di coronavirus (3.555 in totale), ma resta fermo a 3.005 il numero dei chi è attualmente infettato dal virus. Gli 8 nuovi casi sono stati conteggiati tra i negativizzati (diventati 293) e tra i deceduti (257).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL CORONAVIRUS NEGLI OSPEDALI. Si alleggerisce sia in Veneto che nel Veronese la pressione dei malati Covid-19 nelle stanze degli ospedali. In tutta la regione ci sono 1.420 malati nelle aree non critiche (-7 in nove ore) e 240 malati nelle terapie intensive (-5 in nove ore). I dimessi dagli ospedali sono saliti a 1.739, ma ci sono 14 nuovi morti negli ospedali veneti. Significa che tra le 889 vittime di questa malattia, 793 sono avvenute in ospedale.
Negli ospedali veronesi ci sono 458 pazienti Covid-19 nei reparti: 54 a Borgo Roma, 28 a Borgo Trento, 58 a Legnago, 28 a San Bonifacio, 100 a Villafranca, 67 a Marzana, 19 a Bussolengo, 66 a Negrar e 38 a Peschiera del Garda. Ma ci sono anche i pazienti Covid-19 più gravi, ricoverati nelle terapie intensive. Nel Veronese sono 71: 15 a Borgo Roma, 25 a Borgo Trento, 6 a Legnago, 3 a San Bonifacio, 10 a Villafranca, 8 a Negrar e 4 a Peschiera del Garda. Il dato più triste è che 6 sono i pazienti deceduti negli ospedali veronesi dalle 8 alle 17 di oggi: uno a Borgo Roma, uno a Legnago, uno a Peschiera, uno a Negrar e due a Villafranca. Dall'inizio dell'emergenza, dagli ospedali veronesi sono stati dimessi 453 pazienti Covid-19 (+7 in nove ore), mentre il numero dei deceduti negli ospedali scaligeri è salito a 250.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Filobus a Verona. «Ma quale ultimatum? Cantieri prorogati fino a fine anno»

  • Ulss 9 Scaligera e Covid-19: origine e zona degli ultimi 39 casi registrati

  • Simone Padoan miglior pizzaiolo d’Italia e I Tigli terza miglior pizzeria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento