Riapertura scuole a Verona, Sboarina: «Finora tutto bene, anche sul traffico»

Il presidente della Provincia di Verona Manuel Scalzotto ai genitori: «Segnalate suggerimenti e problemi direttamente a docenti e sindaci, non sui social, siamo qui per provvedere»

 

Nel corso della mattinata di oggi, lunedì 14 settembre, si è svolta a Verona presso la sede dell'Ulss 9 Scaligera una conferenza stampa dedicata all'inizio del nuovo anno scolastico in epoca Covid-19. Presenti all'appuntamento, oltre al dg Pietro Girardi, anche il sindaco di Verona Federico Sboarina, il presidente della Conferenza dei sidnaci Flavio Pasini e il presidente della Provincia Manuel Scalzotto. 

Il dg Pietro Girardi ha esordito richiamando tutti al «senso di responsabilità» necessario in questa fase delicata che vede in prima linea insegnanti, genitori ed alunni. «Ci sono tante novità, - ha detto Girardi - a partire dalle nuove corsie ciclabili che ho avuto modo di vedere in città già utilizzate da molti. È importantissimo il ruolo che in questa fase dovranno avere quei soggetti preposti alla valutazione dei sintomi che eventualmente emergeranno, per questo il mio "grazie" va anche soprattutto ai medici di medicina generale e ai pediatri». Il dg dell'Ulss 9 Scaligera Pietro Girardi ha poi ribadito che in questa fase «è importantissimo l'uso della mascherina, indipendentemente da chi la fornirà, la scuola o le famiglie. In ogni caso, - ha poi concluso il dg dell'Ulss 9 Girardi - i primi giorni saranno di rodaggio, ma io resto fiducioso anche se è evidente che dovremo tutti avere un po' di pazienza».

A prendere la parola è quindi stato il presidente della Conferenza dei sindaci Flavio Pasini, il quale ha sottolineato di essere stato in visita già stamane presso diversi plessi scolastici veronesi: «Ci sono regole nuove in molti casi non fatte da noi e che dobbiamo comunque giustamente far rispettare, ma il messaggio che in ogni caso voglio mandare alle famiglie è di tranquillità perché anche io sono fiducioso e poi voglio fare davvero un grosso "in bocca al lupo" a tutti i genitori e agli studenti ed insegnanti».

Il sindaco di Verona Federico Sboarina ha quindi evidenziato che dai sopralluoghi effettuati in queste ore nelle varie scuole, dagli asili nido agli istituti delle superiori, la situazione pare essere buona. In secondo luogo Sboarina ha affrontato il tema del traffico: «Devo dire che i numerosi inviti fatti nelle ultime ore circa l'uso delle biciclette e degli stessi mezzi pubblici parrebbero aver sortito i giusti effetti, perché ho visto davvero tantissimi studenti andare a scuola in bici. Dal punto di vista del traffico, in base ai primi report che mi stanno arrivando e magari un po' anche contro le previsioni, sta filando tutto liscio per ora e questo merita appunto un "grazie" sia alle forze dell'ordine che a tutte le famiglie e ai ragazzi e alle ragazze». Da ultimo il sindaco di Verona Sboarina ha poi sottolineato come le maestre di asili e materne gli abbiano riferito che in tema di igiene i bambini, anche i più piccoli, si stanno finora comportando benissimo: «Mi dicono che non hanno dovuto praticamente insegnare loro nulla, su distanze e come ci si lava le mani, perché già sono arrivati che sapevano tutto perfettamente. Questo è merito dei genitori e a loro non posso che dire davvero grazie».

Infine, ad intervenire è stato anche il presidente della Provincia Manuel Scalzotto che ha rivelato come di 51 istituti scolastici quasi tutti abbiano ripreso le attività in presenza, salvo in alcune circostanze dove si è scelto di privilegiare per il momento la didattica online. Si tratta nello specifico delle scuole a Villafranca di Verona, San Bonifacio, Legnago e il "Berti" a Soave dove vi sarebbero problematiche legate anche alla recente ondata di maltempo nel Veronese. Il presidente Scalzotto ha dunque aggiunto: «Non è ancora finita, perché diciamo che l'inizio è andato bene ma ora speriamo tutto prosegua alltrettanto positivamente. Il messaggio che voglio mandare, - ha poi detto Scalzotto - è direttamente ai genitori: la fase "Covid-19" non è ancora finita e quindi ci vuole davvero pazienza da parte di tutti, se avete suggerimenti è meglio parlare con i sindaci o con gli insegnanti invece che scrivere sui social, perché qui siamo tutti pronti ad ascoltarvi ed agire per far valere le vostre istanze con chi di dovere».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento