Coronavirus, secondo alcuni ricercatori il primo focolaio europeo sarebbe in Germania

Lo rivelerebbe una mappa genetica del "Sars-Cov-2" realizzata dagli studiosi di Netxstrain

Medici nell'ospedale di Codogno - foto Ansa

"Sars-Cov-2", vale a dire il nuovo coronavirus che tiene in apprensione mezzo mondo in queste ore, potrebbe essere giunto in Italia dalla Germania. Un'ipotesi che non può essere considerata certa, ma nemmeno può essere del tutto esclusa. Ad avanzarla sono i ricercatori del gruppo Netxstrain che hanno realizzato un'interessante mappa genetica del virus, una sorta di albero genealogico del "Sars-Cov-2" che ne evidenzia la diffusione geografica distribuendola cronologicamente. L'elemento di novità della ricerca starebbe dunque nell'identificazione del primo focolaio europeo che, questa è l'ipotesi del team guidato da Trevor Bedford del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, potrebbe essere quello emerso a Monaco in Germania. 

Il "Sars-Cov-2" avrebbe, secondo gl studiosi, valicato i confini europei diverse volte. Secondo la mappa genetica del nuovo virus realizzata dai ricercatori di Netxstrain, tuttavia, alcune delle infezioni sviluppatesi da febbraio in Italia, così come Finlandia e Scozia, giusto per restare in Europa, apparirebbero «geneticamente simili al focolaio di Monaco».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bisognerebbe dunque risalire a quel "paziente 1" che il 24 gennaio scorso avrebbe originariamente manifestato i sintomi, dopo l'incontro con una collega proveniente dalla Cina risultata in seguito positiva al "Sars-Cov-2". Una vicenda che aveva già fatto parlare di sé, ripresa in Italia dal Dott. Roberto Burioni citando The New England Journal of Medicine che la riportava quale esempio di trasmissione del nuovo coronavirus da un soggetto asintomatico al termine dell'incubazione del virus stesso. Tale focolaio secondo i ricercatori, nonostante fosse stato isolato, avrebbe comunque potuto «alimentare una catena di trasmissione che non è stata rilevata finché non è cresciuta al punto da avere dimensioni consistenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 settembre 2020

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento