Cronaca Borgo Roma / Piazzale Ludovico Antonio Scuro

Coronavirus, prime attivazioni di nuovi posti letto nelle terapie intensive

Ai 450 posti in tutta la regione, se ne sono aggiunti 48, ma l'obiettivo è raggiungere quota 498. Nel Veronese, i posti letto in più sono intanto 13

Foto di repertorio

Da ieri, 9 marzo, la Regione Veneto ha aumentato il numero di posti letto nei reparti di terapia intensiva degli ospedali veneti. La decisione è stata presa alla luce del fatto che l'emergenza coronavirus ha aumentato il tasso di occupazione dei 450 posti letto, facendolo arrivare all'80%. Per evitare che nelle terapie intensive non ci sia più spazio, ieri sono stati aggiunti 48 posti letto in questi reparti e senza bloccare le attività. L'obiettivo, con le prossime attivazioni e di raggiungere i 498 posti letto di terapia intensiva. Inoltre, sono anche in allestimento altri 120 letti di terapia subintensiva aggiuntivi a quelli esistenti.

Nel Veronese, i posti letto aggiunti ieri sono stati così distribuiti: 5 all'ospedale di Borgo Roma, 4 all'ospedale di Borgo Trento, 2 all'ospedale di Villafranca e 2 all'ospedale di San Bonifacio. Per un totale di 13 posti in più nelle terapie intensive veronesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, prime attivazioni di nuovi posti letto nelle terapie intensive

VeronaSera è in caricamento