Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

Tra di loro, i ricoverati in ospedale sono 437, cresciti di 15 unità la scorsa notte. Mentre è aumentato solo di un paziente il numero dei ricoverati nelle terapie intensive veronesi, diventati 89

(Foto generica di repertorio)

Nuovo bollettino della Regione sui casi positivi di coronavirus in Veneto. Il resoconto è aggiornato alle 8 di questa mattina, 24 marzo, e contiene anche il numero dei cittadini veneti posti in isolamento domiciliare, aggiornato alle 20 di ieri sera.

In isolamento a casa ci sono sia i casi positivi in buono stato di salute sia coloro che sono entrati in contatto con almeno un caso positivo. In tutto il Veneto gli isolati sono 16.220. Nella provincia di Verona sono 3.220.

Il numero di contagiati in Veneto è salito a 5.948, con una crescita di 310 casi rispetto all'ultimo bollettino diffuso ieri sera. E, purtroppo, l'aumento più consistente nella notte lo ha fatto registrare la provincia di Verona, con 81 nuovi casi positivi al test del coronavirus. I veronesi contagiati sono ora 1.228.
Questo aumento potrebbe però essere legato alla strategia della Regione Veneto di aumentare il numero dei controlli, svolgendo ogni giorno un numero più elevato di tamponi. La strada scelta dall'ente regionale è quella di scovare possibilmente tutti i casi positivi per poterli isolare ed impedire così la diffusione del virus. 

L'aumento dei casi positivi si riflette anche nel numero dei malati Covid-19 che hanno bisogno delle cure negli ospedali veneti e in quelli veronesi, anche se il numero dei pazienti negli ospedali è cresciuto in modo più ridotto. In tutta la regione, i malati posti in reparti non critici sono diventati 1.318 (+13 rispetto a ieri sera), quelli invece nelle terapie intensive sono saliti a 304 (+10 rispetto a ieri sera).
Nella provincia di Verona, i ricoverati complessivi sono 437, cresciti di 15 unità nella notte. Mentre è aumentato solo di un paziente il numero dei ricoverati nelle terapie intensive veronesi, diventati 89.
La situazione degli ospedali veronesi è questa: a Borgo Roma 84 malati Covid-19 in area non critica, 18 in terapia intensiva; a Borgo Trento 47 non critici e 36 in terapia intensiva; a Legnago 40 non critici e 8 in terapia intensiva; a San Bonifacio 3 non critici e nessuno in terapia intensiva; a Villafranca (centro Covid-19 per il Veronese) 108 malati non critici e 13 in terapia intensiva; a Negrar 48 non critici e 7 in terapia intensiva; a Peschiera 18 non critici e 7 in terapia intensiva.

Da quando è iniziata l'emergenza, dagli ospedali della provincia di Verona sono stati dimessi in totale 81 malati di coronavirus, le cui condizioni erano migliorate. Ma purtroppo nella notte si sono registrati anche due decessi. Sale quindi a 49 il numero di morti positivi al test per il virus nel Veronese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

Torna su
VeronaSera è in caricamento