Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Corso Cavour

Morti sul lavoro per Covid-19, in 20 mesi 33 in Veneto di cui 3 nel Veronese

La provincia scaligera è quella che conta il maggior numero di infortuni sul lavoro legati al coronavirus: 4.451, da gennaio 2020 ad agosto 2021

Le denunce di infortunio sul lavoro legate al coronavirus anche a fine agosto 2021 continuano ad essere tra le più preoccupanti. In tutta Italia, da gennaio 2020, sono salite a 19.036. E con un triste primato, purtroppo, per le lavoratrici. Solo le donne contagiate dal virus da gennaio 2020 a fine agosto 2021 sono più di 14mila.
Numeri che portano ancora il Veneto sul podio nazionale per numero di denunce di infortunio sul lavoro per Covid-19, dopo Lombardia e Piemonte. Per quanto riguarda, invece, i decessi sul lavoro legati al contagio, in 20 mesi se ne sono contati 22 in Veneto (2 in più rispetto a fine giugno). Il territorio regionale mantiene l'ottavo posto nella graduatoria nazionale stilata dall'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre. Ed anche ad agosto, il Veneto è tra le regioni con l'incidenza di mortalità meno elevata della Penisola. Ed è certamente la regione con il minor rischio di mortalità per Covid tra quelle con il più alto numero di occupati.

infortuni lavoro covid gennaio 2020 agosto 2021-2

A livello provinciale, Verona è il territorio regionale con il più elevato numero di denunce di infortunio per Covid-19: 4.451. Seguono: Treviso (3.297), Vicenza (3.238), Venezia (3.228), Padova (3.018), Belluno (1.215), e Rovigo (589).
Mentre per i decessi, la provincia dove se ne sono contati di più finora è quella di Venezia (10), seguita da Treviso e Padova (6), Vicenza (5), Verona (3), Rovigo (2) e Belluno (1).

Tra i settori maggiormente colpiti dal coronavirus in Veneto ci sono quello della sanità e dell'assistenza sociale (77,3% degli infortuni). Mentre per quanto riguarda le professioni, i più coinvolti si confermano essere i tecnici della salute (34,5%). Seguono: le professioni qualificate nei servizi socio-sanitari e sociali (26,9%), le professioni legate ai servizi personali e assimilati (9,9%) e i medici (6,5%).

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti sul lavoro per Covid-19, in 20 mesi 33 in Veneto di cui 3 nel Veronese

VeronaSera è in caricamento