Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Bra

Medici di famiglia nel mirino dei no-vax per l'esenzione dal vaccino anti-Covid

Alcuni medici di medicina generale sarebbero stati insultati e addirittura anche minacciati di morte da pazienti che non vogliono vaccinarsi e richiedono l'esenzione (pur non avendone diritto) per eludere gli obblighi del Green Pass

Redatto in collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità ed il Ministero della Salute, lunedì scorso, 16 agosto, è stato pubblicato dalla Simg (Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie) il "Vademecum operativo sulla esenzione da vaccino anti Covid-19". Con questo documento si vuole chiarire in modo definitivo quali siano le categorie che hanno diritto alla certificazione di esenzione dalla vaccinazione contro il coronavirus. Un certificato fondamentale per coloro che non possono vaccinarsi contro il Covid e quindi sono esenti anche dall'obbligo del Green Pass. Ed è proprio questa l'esenzione tanto ambita da coloro che, invece, avrebbero la possibilità di vaccinarsi, ma non vogliono. E per ottenere l'esenzione dal Green Pass i cosiddetti "no-vax" sembrerebbero disposti a tutto, anche a prendersela con i medici di base.

Con una serie di interviste pubblicate sul Corriere di Verona, Michela Nicolussi Moro e Matteo Riberto hanno tratteggiato una situazione sempre più stressante per i medici di famiglia, i quali vengono bersagliati da loro assistiti no-vax pur di ottenere l'esenzione dal vaccino e quindi dal Green Pass. Il fenomeno è in espansione, tanto da essere attenzionato anche dalle forze dell'ordine, a cui alcuni medici si sono rivolti perché minacciati dai loro pazienti. Vicende che corrono in parallelo a quelle dei sanitari no-vax, tra cui 52 dell'Ulss 9 Scaligera, che sono stati sospesi dal loro lavoro perché non vaccinati contro il Covid. Sospensione che loro ritengono illegittima e per questo si sono rivolti al Tar.
Maurizio Scassola, presidente della sezione veneta della Federazione italiana dei medici di famiglia (Fimmg), ha spiegato che da mesi i medici di medicina generale chiedono aiuto e che le indicazioni da seguire sono quelle evitare risposte aggressive e al limite di ricusare il paziente che vorrebbe l'esenzione dal vaccino senza averne diritto. Una soluzione estrema giustificata dal venir meno della fiducia tra medico e paziente.
Il vicepresidente nazionale della Fimmg Domenico Crisarà, presidente dell'Ordine dei medici di Padova, ha dichiarato che alcuni medici di famiglia hanno ricevuto lettere intimidatorie ed ha aggiunto che i camici bianchi infrangerebbero la legge se prescrivessero esami a pazienti che non ne hanno diritto.
Nessun medico è stato al momento denunciato da pazienti no-vax, ma alcuni sono stati insultati ed anche minacciati di morte, come spiegato da Michele Valente, presidente dell'Ordine dei medici di Vicenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medici di famiglia nel mirino dei no-vax per l'esenzione dal vaccino anti-Covid

VeronaSera è in caricamento