Cronaca Centro storico / Piazzetta Sant'Eufemia

Covid nei nidi e nelle materne di Verona, in tre mesi 15 bimbi positivi

Un numero relativamente basso. Il sindaco Sboarina: «I bambini sono sicuri e non si contagiano tra le mura scolastiche. Questo anche grazie ai rigidi protocolli che vengono fatti osservare ed agli investimenti fatti»

Sboarina in una nuova aula concessa alle medie Caliari

Risolti i problemi di spazio delle scuole medie Caliari di Verona. Le classi seconda e terza D sono state trasferite nelle aule solitamente utilizzate dall'università della terza età all'interno del Chiostro di Santa Eufemia. Spazi che attualmente sono vuoti e che il Comune ha concesso in uso all'istituto comprensivo Ic8 per rispondere alla richiesta di aiuto arrivata dalla scuola stessa.

aula_caliari_sboarina-2
(Una delle aule concesse alla Caliari)

La concessione di queste aule è stata l'occasione colta dal Comune di Verona per diffondere i dati sui contagi da coronavirus avvenuti finora negli asili nidi e nelle scuole materne. Nelle scuole comunali, i rigidi protocolli preparati in estate sembrano funzionare bene dopo circa tre mesi di applicazione. Da settembre, i nidi comunali hanno avuto l'isolamento di circa 20 gruppi di bambini sui 129 totali, con solo 6 bambini risultati positivi. Mentre alle scuole dell'infanzia, su 82 sezioni totali, sono state 14 quelle temporaneamente isolate e solo 9 i bambini contagiati.
Il contenimento del contagio è garantito dalla precisione delle regole adottate con investimenti importanti, dalle nuove assunzioni di personale, dalla riorganizzazione degli spazi, della refezione e del trasporto. E i numeri confermano che a Verona la scuola non è luogo di contagio. Appena c'è qualche avvisaglia in una classe, i bambini vengono subito isolati e sottoposti a tamponi rapidi e, se necessario, a quelli molecolari. Questo per garantire le lezioni in presenza al maggior numero di loro.
Per garantire un anno scolastico tranquillo, il Comune è intervenuto con risorse importanti. È di 700mila euro la somma investita per dotare le scuole del materiale indispensabile per tutelare la salute di bambini, maestre, educatrici, operatori e per garantire alle famiglie la sicurezza degli spazi scolastici. Dal gel igienizzante alle mascherine, dalle tute monouso ai copriscarpa fino ai prodotti per la sanificazione che, viene costantemente garantita all'interno delle scuole ma anche nei cortili e nei giardini di pertinenza. L'organico dei nidi e delle materne comunali è stato potenziato con un centinaio di nuove assunzioni, necessarie per garantire la massima tutela di bimbi e insegnati, una trentina alle materne e circa 70 ai nidi. Inoltre, per garantire i servizio di sanificazione giornaliero delle aule e degli spazi mensa, il Comune ha potenziato il personale di Agec per una spesa mensile di 235mila euro.

Sul tema è intervenuto il sindaco Federico Sboarina durante l'incontro con gli alunni delle Calieri nelle nuove aule. Ad accompagnarlo, la dirigente dell'Ic8 Cristiana Sottile ed il membro del consiglio di istituto Marilena Scandurra, in rappresentanza dei genitori.
«Questa operazione dimostra che quando i cittadini chiedono, l'amministrazione risponde - ha detto il sindaco - Siamo intervenuti in pochissimo tempo per dotare le medie Caliari di questi spazi che ora sono temporaneamente inutilizzati, grazie al gioco di squadra siamo riusciti a risolvere il problema e dare ai ragazzi la possibilità di andare a scuola sicuri. Lo dicono i numeri, le nostre scuole sono sicure, i bambini non si contagiano tra le mura scolastiche, questo anche grazie ai rigidi protocolli che vengono fatti osservare e agli importanti investimenti che abbiamo fatto in termini di assunzione di personale e materiale aggiuntivo. Manteniamo la promessa fatta alle famiglie, i genitori possono mandare a scuola in figli in serenità, e non appena ci arriva una segnalazione, corriamo subito a risolverla. Proprio oggi, durante questa visita, ho saputo che c'è un problema in una classe quinta elementare, dove un muro separa in due la stessa aula. Ho promesso che durante le vacanze di Natale anche questa criticità verrà risolta».
«Dice bene il sindaco - ha aggiunto la preside Cristiana Sottile - Questo è proprio l'esempio della sinergia tra Comune, scuola e genitori, uniti per raggiungere lo stesso obiettivo. Abbiamo iniziato il nuovo anno in presenza non senza difficoltà, quella degli spazi andava risolta al più presto, il sostegno dell'amministrazione è stato fondamentale».

sboarina_caliari_sottile-2
(Sboarina e Sottile)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid nei nidi e nelle materne di Verona, in tre mesi 15 bimbi positivi

VeronaSera è in caricamento