Coronavirus, boom di contagi a Verona: stabile il numero dei ricoverati

Sono 72 i nuovi casi segnalati dal bollettino della Regione Veneto, che vede la provincia scaligera toccare quota 2054. Cresce purtroppo anche il numero dei deceduti, così come quello delle persone dimesse dall'ospedale

Immagine generica

Il nuovo bollettino della Regione Veneto sui contagi da Covid-19, relativo alle ore 17 del 30 marzo, vede la zona veronese segnare un incremento di 72 nuovi casi positivi: il totale cresce così a 2054, mentre le persone in regime di isolamento domiciliare sono 3392. Per quanto riguarda l'intero territorio regionale, sono 8853 i contagi complessivi (129 in più rispetto a quelli segnalati alle ore 8 di lunedì), mentre sono 19895 gli individui in isolamento. 
Un boom quello registrato nella zona di Verona che sembra confermare le preoccupazioni del governatore Luca Zaia e che vede la provincia scaligera collocarsi al secondo posto per numero di contagi in Veneto, dietro quella patavina. Per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva, seppur lentamente, il calo sembra proseguire a livello regionale, con 354 persone costrette alle cure intensive controlo le 356 della mattinata. I ricoveri complessivi invece hanno sfondato quota 2 mila (2023), con 1669 persone in area non critica (+36). 

Nel Veronese il numero delle persone ricoverate è rimasto stabile a quota 593: di queste 479 risultano essere in area non critica (-1), mentre 114 si trovano in terapia intensiva (+1). 
Questa la situazione ospedale per ospedale: a borgo Roma 89 pazienti sono in area non critica (+1) e 24 in terapia intensiva (0); a borgo Trento 40 pazienti sono in area non critica (-2) e 34 in terapia intensiva (0); a Legnago 65 pazienti sono in area non critica (-3) e 8 in terapia intensiva (0); a San Bonifacio 19 pazienti sono in area non critica (-1) e 7 in terapia intensiva (+1); a Villafranca (ospedale Covid-19) 115 pazienti sono in area non critica (-6) e 20 in terapia intensiva (0); a Marzana 22 pazienti sono in area non critica (-3); a Negrar 79 pazienti sono in area non critica (+1) e 10 in terapia intensiva (0); a Peschiera 50 pazienti sono in area non critica (+6) e 11 in terapia intensiva (0). 
In totale sono 790 le persone dimesse in Veneto (747 il dato mattutino), 173 delle quali a Verona. I deceduti invece sono 436, 23 in più rispetto alle ore 8, 129 dei quali a Verona: tre nuovi decessi infatti sono stati purtoppo registrati a Peschiera, Legnago e borgo Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Dramma in Transpolesana nella notte: un uomo trovato morto dopo malore alla guida

  • Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

Torna su
VeronaSera è in caricamento