Postazione per i tamponi attivata in aeroporto a Verona: gli obblighi di chi viaggia all'estero

Viaggi all'estero: il mancato rispetto delle disposizioni può costare una multa da 1.000 euro

Aeroporto "Catullo" di Verona

Due postazioni per effettuare i tamponi direttamente negli aeroporti sono state allestite ed attivate al "Marco Polo" di Venezia ed al "Catullo di Verona", grazie alla Regione Veneto e alle relative Ulss di competenza. In tal modo i viaggiatori di rientro da Croazia, Grecia, Malta e Spagna potranno svolgere il test al loro arrivo sul suolo nazionale così come da indicazioni ministeriali e sulla scorta di quanto prescritto anche dall'ordinanza del 13 agosto firmata da Zaia.

Tale possibilità è parallela all'altra opzione prevista, vale a dire quella di presentare all'atto dell'imbarco l'esito negativo di un tampone per la ricerca del virus Sars-CoV-2 svolto non oltre le 72 ore precedenti l'ingresso in Italia. Altresì è prevista la possibilità di svolgere il test per la ricerca del virus dopo essere rientrati a casa ed aver contattato la propria Azienda sanitaria di riferimento per comunicare il proprio rientro proveniente da Croazia, Grecia, Malta o Spagna.

indirizzi email e numeri dedicati coronavirus Ulss Veneto

Recapiti Ulss in Veneto

In merito ai tempi entro cui fare il tampone, circa quest'ultima ipotesi, è bene fare chiarezza: l'ordinanza del ministero della Salute prevederebbe un arco temporale di 72 ore dallo sbarco in Italia per effettuare il test, ma l'ordinanza regionale numero 84 del 13 agosto in Veneto specifica che si hanno 24 ore di tempo per contattare l'Ulss di riferimento e 48 ore di tempo, a partire dall'avvenuta comunicazione (non dallo sbarco), per svolgere il test. La stessa ordinanza regionale firmata da Zaia, a differenza di quella ministeriale che su questo punto non ha mancato di creare qualche piccola incomprensione, specifica in modo molto chiaro e netto che «fino all’esito del test il soggetto rimane in isolamento».

Oltre a chi rientra in Veneto da viaggi in Croazia, Grecia, Malta o Spagna, devono ottemperare alla comunicazione verso l'Ulss di riferimento per effettuare il tampone anche tutte quelle persone che sono state indicate, nell'ordinanza regionale numero 84, appartenere alle cosiddette categorie di soggeti "a rischio particolare". Si ricorda da ultimo che la mancata effettuazione della quarantena, la mancata comunicazione di ingresso nel termine di 24 ore dall’ingresso o rientro in Veneto per l’esecuzione del test di screening per i soggetti obbligati, fatte salve le eventuali sanzioni penali, comporta «l’applicazione della sanzione di euro 1.000».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Zaia ha anche un lista tutta sua, ecco i candidati in provincia di Verona

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento