Salgono a 784 i positivi al coronavirus a Verona: un nuovo morto e 239 i ricoveri

Verona segna +66 nuovi casi, 1 decesso in Borgo Roma mentre crescono anche i ricoveri, di cui 67 in terapia intensiva. In tutto il Veneto si è sfondata quota 4.031 positivi al virus

Secondo gli ultimi dati forniti dalla Regione Veneto, aggiornati alle ore 8 di oggi venerdì 20 marzo, è salito a quota 4.031 il computo dei soggetti positivi al coronavirus "Sars-CoV-2" in tutto il territorio regionale. Un aumento di 280 nuovi casi rispetto a ieri sera, con la provincia di Verona che vede uno scarto differenziale ancora una volta piuttosto significativo: +66 nuovi casi per un totale di 784 soggetti positivi rilevati. Verona resta quindi seconda provincia in Veneto per numero di casi, dietro a Padova con 943 (oltre al cluster di Vo' che segna oggi +1 con 83 casi).

Alle ore 20 di ieri sera, inoltre, la Regione Veneto specifica che sul territorio erano in totale 12.432 le persone sottoposte alla misura dell'isolamento domiciliare, tra positivi e relativi contatti. Di questi, nella sola provincia scaligera si contano ben 2.531 soggetti. Per quanto riguarda la situazione dei ricoveri in ospedale, in tutto il Veneto si è arrivati a quota 1.070, di cui 834 in area non critica (+29) e 236 in terapia intensiva (+12). Per quel che attiene nello specifico la provincia di Verona, i ricoveri ospedalieri totali sono passati dai 229 di ieri sera agli attuali 239 (+10), di cui 172 in area non critica (+2 rispetto a ieri) e 67 in terapia intensiva (+8 rispetto a ieri sera).

I pazienti ricoverati nella provincia di Verona sono distribuiti come segue: all'ospedale di Borgo Roma troviamo 66 persone in area non critica (+5), 16 in terapia intensiva (+1) e si conta purtroppo anche 1 nuovo decesso (15 in totale ad oggi), mentre all'ospedale di Borgo Trento sono 16 i ricoveri in area non critica (+2) e 25 quelli in terapia intensiva (+1). Al "Mater Salutis" di Legnago vi sono quindi 18 pazienti in area non critica (+1) e 8 in terapia intensiva (dato stabile), mentre a San Bonifacio sono 4 i ricoveri in area non critica (dato stabile) e 1 in terapia intensiva (+1), poi a Villafranca di Verona troviamo 7 pazienti in area non critica (-3) e 8 in terapia intensiva (+3). Chiudono il quadro veronese i 43 ricoveri in area non critica (dato stabile) e i 7 in terapia intensiva (dato stabile) all'ospedale "Sacro Cuore Don Calabria" di Negrar, oltre ai 18 in area non critica (-3) e i 2 in terapia intensiva (+2) all'ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda.

Per quanto riguarda il numero dei decessi in tutto il Veneto è salito a quota 131 (+1) a seguito di quello avvenuto proprio all'ospedale di Borgo Roma a Verona. I pazienti dimessi totali sono invece 223 in tutto il Veneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(FONTE DATI REGIONE VENETO)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni in Veneto: come si vota? Dal voto disgiunto alle preferenze, tutte le informazioni

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • Zaia ha anche un lista tutta sua, ecco i candidati in provincia di Verona

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 settembre 2020

  • Citrobacter, provvedimento disciplinare alla direttrice della microbiologia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento