Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Porto San Pancrazio / Via Campagnole

Controllo del traffico e del territorio: 77 nuove telecamere verranno attivate in città

Verranno aggiunti anche 7 nuovi punti di accesso alla rete wifi Guglielmo. "Oggi Verona può vantare di essere una tra le città più informatizzate d’Italia, grazie all’estensione del wifi, al potenziamento delle telecamere, all’attivazione di servizi online"

Il Sindaco Flavio Tosi e il presidente di Agsm Fabio Venturi hanno presentato, questa mattina, le nuove iniziative messe in atto dall’azienda partecipata per implementare sul territorio il sistema di videosorveglianza e la connessione wifi gratuita Guglielmo. Nei prossimi giorni, infatti, saranno attivate 51 telecamere sugli impianti semaforici per il controllo del traffico; 26 nuove telecamere per sorvegliare il territorio (via Sogare, via XX settembre, via Buri, via Campagnole, piazza Saval, Mizzole, piazza Dall’Oca Bianca, via Spianà-via Albere, via Cattaneo, piazza Bassona, parco via Friuli, via Selinunte, piazza Nogarola, piazzale Stefani, piazza del Popolo, corte Sgarzeria, piazza Ca’ di David, via Santa Maria in Stelle; altre 6 telecamere nel sottopasso di porta Vescovo e 2 in via Adigetto); 7 nuovi punti di accesso alla rete wifi (parcheggio Centro, sottopasso ponte Aleardi, piazza Saval, cortile Palazzo della Ragione, pista ciclabile di Santa Lucia, piazza Nogarole e piazza Dall’Oca Bianca). Presente il consigliere comunale incaricato allo Sviluppo del progetto wifi Vittorio Di Dio e il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura.

Sul territorio comunale – ha detto Tosi - oggi abbiamo più di 170 telecamere attive, alcune utilizzate per monitorare e gestire il traffico, e usate con una doppia funzione perché riprendono anche le zone limitrofe agli incroci, altre invece installate per garantire maggior sicurezza e come deterrente ai fenomeni criminali. Proprio queste ultime, grazie all’intervento di Agsm, saranno implementate soprattutto in periferia, da dove sono arrivate numerose segnalazioni da parte dei cittadini e delle Circoscrizioni. Nei prossimi mesi chiederemo inoltre alla Provincia di poter mettere in rete le telecamere che si trovano agli ingressi dei caselli autostradali, così avremo un controllo complessivo del territorio che ci permetterà anche in caso di furti o atti criminali di ricostruire i fatti e risalire ai colpevoli. Oggi Verona può vantare di essere una tra le città più informatizzate d’Italia, grazie all’estensione del wifi, al potenziamento delle telecamere, all’attivazione di servizi online per imprese e cittadini e, a breve, sotto l’egida del Ministero competente e delle Forze dell’Ordine, chiederemo la messa in rete delle telecamere private di videosorveglianza”.

“Agsm attraverso la rete di fibra ottica diramata su tutto il territorio – ha dichiarato Venturi – è riuscita a creare un sistema che supporta non solo le telecamere ma anche la rete internet, per offrire alla cittadinanza sempre maggiori servizi in termini di sicurezza e connessione. L’installazione di telecamere, iniziata nel 2001, contava fino al 2014 ben 68 telecamere per la videosorveglianza e 30 per il controllo del traffico, con le nuove installazioni arriveremo a 100 telecamere monitorate dalla Polizia municipale per la videosorveglianza e 81 a servizio del settore Mobilità e Traffico del Comune per la gestione del traffico. Prossimi obiettivi saranno l’installazione di telecamere e accesso wifi a Castel San Pietro, in particolare lungo la scalinata che sale dal Teatro Romano, e all’interno di Bastione Maddalene; l’idea infine è quella di mettere in rete anche le telecamere dello stadio, che oggi funzionano solo durante gli eventi sportivi, ma che in futuro potrebbero essere utilizzate 24 ore al giorno”.

Negli ultimi anni – ha spiegato Di Dio -abbiamo esteso la copertura internet gratuita in gran parte della città e, ad oggi, sono circa 230 gli hotspot disponibili per la connessione. Da poco la rete wifi è stata portata anche negli ospedali di Borgo Trento e Borgo Roma, compresi i reparti di degenza. Con questi nuovi 7 punti di accesso ad internet daremo attenzione alle periferie, con l’obiettivo futuro di implementare il servizio soprattutto lungo le piste ciclabili. Abbiamo chiesto inoltre ad Agsm di portare la banda da 30 a 60 megabyte in modo da velocizzare la connessione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controllo del traffico e del territorio: 77 nuove telecamere verranno attivate in città

VeronaSera è in caricamento