rotate-mobile
Venerdì, 22 Settembre 2023
Cronaca San Bonifacio / Via Guglielmo Marconi

Controllo di vicinato a San Bonifacio, Cafagna: «Prezioso strumento di sicurezza»

Il prefetto e il sindaco Provoli hanno firmato il protocollo che mira a stimolare la partecipazione attiva dei cittadini in materia di sicurezza urbana e aspira a diventare un modello per tutta la provincia

Ieri, 20 ottobre, alla presenza dei vertici provinciali delle forze dell'ordine, il prefetto di Verona Donato Cafagna e il sindaco Giampaolo Provoli hanno firmato il protocollo d'intesa per l'attivazione del "controllo di vicinato" a San Bonifacio (qui il testo del protocollo).
Un'iniziativa, accennata dal prefetto Cafagna durante l'ultima riunione del Cosp (Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica), che mira a stimolare la partecipazione attiva dei cittadini in materia di sicurezza urbana. Non si tratta del primo progetto di controllo di vicinato attivato in provincia di Verona, ma aspira a diventare un modello per tutti i Comuni, essendo il frutto di una stretta collaborazione tra il amministrazione comunale, prefettura e forze dell'ordine.

controllo vicinato san bonifacio prefettura-2
(Provoli e Cafagna presentano il protocollo insieme ai rappresentanti delle forze dell'ordine)

Il cuore del controllo di vicinato che partirà a San Bonifacio saranno i gruppi di cittadini che potranno fornire informazioni utili agli operatori delle forze dell'ordine. Questi gruppi saranno individuati dal Comune e saranno coordinati da referenti qualificati e adeguatamente formati.
I cittadini potranno riferire fatti e circostanze su un'ampia casistica di fenomeni non immediatamente riconducibili ad attività criminali, ma capaci di incidere sulla complessiva qualità della vita dei quartieri. Le informazioni dei cittadini dovranno passare attraverso i coordinatori, i quali opereranno un vaglio preliminare e poi inoltreranno le segnalazioni alla polizia Locale ed ai rappresentanti territoriali delle forze dell'ordine.
Le informazioni potranno far partire iniziative istituzionali diversificate a seconda della natura delle situazioni: dalle opere di miglioramento e riqualificazione urbana ad azioni di sostegno da parte dei servizi sociali comunali rispetto a casi di marginalità o disagio sociale, fino a veri e propri interventi mirati delle forze dell'ordine nei casi di illegalità o di effettivo pericolo per la sicurezza e l'incolumità pubblica.

Nel caso in cui i cittadini fossero testimoni di un reato, le segnalazioni non dovranno passare attraverso il controllo di vicinato ma bisogna sempre contattare i numeri di emergenza come il 112, il 113 o il 117.

In nessun caso, infine, i cittadini coinvolti nel controllo di vicinato hanno l'autorizzazione ad intraprendere iniziative personali.

«Lo spirito del controllo di vicinato - ha dichiarato il prefetto - è quello di lavorare, attraverso la partecipazione attiva dei cittadini, all’innalzamento degli standard di sicurezza del territorio, agendo in chiave preventiva rispetto a situazioni di degrado urbano, disagio sociale o comunque capaci di turbare l’ordinato vivere civile e la tranquillità pubblica. Il patto potrà fungere da modello per altre amministrazioni locali della provincia che riterranno di avvalersi di questo prezioso strumento di sicurezza integrata e partecipata».

Ai cittadini di San Bonifacio, il progetto sul controllo di vicinato sarà presentato domani, 22 ottobre, dalle 15 alle 17 nella sala civica Barbarani di Via Marconi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controllo di vicinato a San Bonifacio, Cafagna: «Prezioso strumento di sicurezza»

VeronaSera è in caricamento