Movida a Verona, controlli sulle mascherine e distanze. Polato: «Giovanissimi incoscienti»

L'assessore alla Sicurezza del Comune di Verona Daniele Polato alza i toni: «Non avete capito nulla...Ma un po’ di rispetto per morti, malati, lavoro e sacrificio di tanti. Vergogna!»

Aperitivo in piazza Erbe

A Verona riflettori puntati sull’uso delle mascherine e il rispetto delle distanze di sicurezza. Nei prossimi giorni e per tutto il weekend, controlli mirati da parte di tutte le forze dell'ordine per verificare che i veronesi mettano in pratica le norme di comportamento previste dalla legge. Con l’avvio della fase 2 e la riapertura di bar, ristoranti e negozi, infatti, le persone sono tornate ad uscire e a frequentare i locali. Ma, nei primi giorni di libertà sono arrivate centinaia di segnalazioni su episodi di assembramento o utilizzo scorretto delle mascherine.

Proprio per questo motivo le forze dell’ordine saranno impegnate a monitorare strade e piazze cittadine, soprattutto negli orari della "movida", per far rispettare il divieto di assembramento, così come l’obbligo di indossare correttamente su naso e bocca i dispositivi di protezione e di tenersi ad un metro di distanza dalle altre persone. Misure ritenute ad oggi necessarie per evitare nuovi contagi: «Saremo inflessibili con chi non rispetta le regole "salvavita". Si può andare a bere l’aperitivo o il caffè, così come uscire con gli amici, ma serve responsabilità e buon senso, altrimenti si torna indietro. - ha detto il sindaco di Verona Federico Sboarina - Eventuali ricadute, ora, sarebbero gravissime, non solo dal punto di vista sanitario ma anche da quello economico. Siamo determinati nel voler monitorare ogni situazione a rischio, soprattutto nell'orario aperitivo, e di sanzionare chi sgarra e non vuole adeguarsi a questa nuova normalità, dimostrandosi irrispettoso della salute propria e altrui».

La multa, ricordiamolo, va da un minimo di 400 euro e può essere aumentata fino a 3.000 euro. Ad alzare i toni in merito ci han pensato anche l'assessore alla Sicurezza del Comune di Verona Daniele Polato che in un breve post su Facebook nelle scorse ore ha pubblicato una fotografia di piazza delle Erbe con la presenza di diverse auto della polizia, commentando così: «Non avete capito nulla...costretti a militarizzare una piazza per la vostra deficienza giovanissimi incoscienti. Inaccettabile, un ticket vero e proprio per l’ospedale. Ma un po’ di rispetto per morti, malati, lavoro e sacrificio di tanti. Vergogna!».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Post facebook assessore daniele polato movida piazza erbe 20 maggio 2020

Il post Facebook dell'assessore alla Sicurezza del Comune di Verona Daniele Polato

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento