Intensificati i controlli in Stazione a sostegno del personale FS: identificate 50 persone

Nella giornata di ieri venerdì 26 febbraio la Polizia Ferroviaria ha intensificato i controlli all'interno della Stazione Porta Nuova, in ottemperanza alle nuove norme ministeriali in materia

Il Compartimento Polfer per Verona ed il Trentino Alto Adige, in linea con le direttive ministeriali, ha intensificato l’attività di prevenzione e repressione dei reati nelle Stazioni ferroviarie. Nella giornata del 26 febbraio, gli Agenti del Settore Operativo della Polizia Ferroviaria hanno proceduto a presidiare nella stazione di Verona Porta Nuova, i varchi di accesso ai corridoi “lato Milano” e “lato Venezia”, che permettono l’ingresso ai binari.

Sono state posizionate barriere mobili per facilitare i controlli consentendo, al contempo, un transito pedonale fluido: nel corso dell’attività, è stato utilizzato il metal detector anche per controlli al deposito bagagli. Sono state identificate 50 persone, una persona è stata denunciata per rifiuto di generalità, 4 cittadini extra U.E. sono stati accompagnati presso l’Ufficio Stranieri della locale Questura per gli accertamenti del caso.

Il gruppo F.S., nella circostanza, ha svolto, con le unità operative di Protezione Aziendale RFI e Trenitalia, un servizio di anti evasione tariffaria, controllando circa 1850 biglietti e impedendo l’accesso ai treni di circa 30 persone che ne erano sprovvisti. La Polfer ha vigilato affinchè il personale del gruppo FS potesse svolgere i controlli di competenza senza subire intemperanze o aggressioni da parte di esagitati.

Numerosi cittadini in transito, hanno espresso la loro approvazione per il lavoro svolto agli operatori di Polizia che con sempre maggior frequenza svolgeranno tale servizio. È stato inoltre rilevato che la continua opera di contrasto e di disturbo ai questuanti molesti, sembra aver sortito l’effetto di averli allontanati dalla stazione ferroviaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento