rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Via del Pontiere

In quattro giorni seicento persone controllate dalla polizia locale a Verona, Sboarina: «È il miglior deterrente»

«Identificare quasi seicento persone in quattro giorni significa avere ben chiara la mappa del rischio in città e pattugliare con servizi preventivi», ha detto il sindaco scaligero

Sono 580 le persone controllate in città da sabato a martedì. Fra i servizi del fine settimana e il pattuglione serale di ieri, gli agenti della polizia locale si sono concentrati su «spaccio di stupefacenti, decoro pubblico e bar fracassoni». Lo riferisce il Comune di Verona che spiega come in soli quattro giorni vi siano stati «un arresto per possesso di documenti falsi, dodici Daspo urbani per accattonaggio nelle vie del centro e lungo le circonvallazioni e una segnalazione per minacce a pubblico ufficiale».

Nel weekend i controlli sono stati in centro, dove è stato arrestato un cittadino moldavo di 55 anni, trovato in possesso di documenti falsi utili per l’espatrio. Sono poi stati emessi dodici daspo urbani per accattonaggio nelle vie del centro e lungo le circonvallazioni. Al mercato dello stadio, invece, sono stati identificati «due marocchini, uno dei quali segnalato per minacce a pubblico ufficiale» che pare stesseo «molestando cittadini con disabilità».

Nella serata di ieri, invece, il pattuglione si è concentrato sui quartieri con quindici fra agenti e ufficiali oltre al Nucleo cinofilo. Prima le fermate degli autobus per il controllo green pass, con una trentina di persone controllate, tutte in possesso di certificato verde e delle protezioni richieste per salire sui mezzi pubblici. In piazzale Stazione è stata rivenuta «una piccola dose di sostanza stupefacente, gettata a terra alla vista dei cani».

Le pattuglie si sono poi spostate in zona Veronetta, lungadige Rubele, parco Alto San Nazaro, porta Vescovo, strada Bresciana, via Barsanti, con posti di blocco e verifiche anche sugli autobus. Poi è partita la verifica di «locali rumorosi», a seguito di segnalazioni da parte dei residenti. Controlli quindi in Corso Milano, via Centro, via dell’Artigliere e via Montano. Infine, negli ultimi dieci giorni sono «tredici i veicoli sequestrati perché senza RC-auto obbligatoria». Sono stati recuperati anche tre veicoli rubati. Infine, particolare attenzione è stata posta nella zona della Gran Guardia, dove con le forze di polizia hanno identificato una quarantina di persone, quasi tutte minorenni.

«Le segnalazioni dei cittadini vengono tutte prese in considerazione per non abbassare mai la guardia – afferma il sindaco Federico Sboarina -. Identificare quasi seicento persone in quattro giorni significa avere ben chiara la mappa del rischio in città e pattugliare con servizi preventivi. Per la polizia locale resta alta l'attenzione alla stazione, ma anche a Veronetta. Comunque, non c’è quartiere in cui le pattuglie non siano presenti. Dal decoro alla sicurezza stradale, dal contrasto allo spaccio alla verifica dei green pass passando per sgomberi di occupazioni abusive e verifiche sui bar fracassoni. La presenza delle divise è il miglior deterrente per i delinquenti e per chi non rispetta le regole».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In quattro giorni seicento persone controllate dalla polizia locale a Verona, Sboarina: «È il miglior deterrente»

VeronaSera è in caricamento