Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca San Zeno / Via Pontida

Controlli antidegrado a San Zeno, scoperta banda dedita all'accattonaggio

In meno di una settimana, nella zona sono state identificate 83 persone: “Siamo in presenza di un'organizzazione criminale – spiega Altamura – che porta a Verona persone appena arrivate in Italia"

A seguito di numerose segnalazioni dei residenti di San Zeno giunte al comando di via del Pontiere e anche direttamente al sindaco Flavio Tosi, dallo scorso lunedì sono scattati maggiori controlli della Polizia municipale nella zona tra circonvallazione Maroncelli, via Pontida, Bastioni San Zeno, piazza Pozza e piazza San Zeno. I controlli straordinari proseguiranno per tutta l’estate, con un maggiore presidio nelle ore serali e nelle giornate festive e con la presenza fissa dell’Ufficio Mobile di Prossimità, per garantire ai residenti di San Zeno un maggior controllo del territorio. Lo rende noto il comandante della polizia municipale Luigi Altamura, che questa mattina ha illustrato i dettagli dell’operazione.

In meno di una settimana, nella zona sono state identificate 83 persone (52 di etnia rumena, 15 marocchini, 8 tunisini, 5 moldavi, 3 italiani), la maggior parte delle quali di nazionalità rumena, dediti all'accattonaggio organizzato, anche con la presenza di alcuni minori. Individuati anche cittadini extracomunitari marocchini e tunisini, con precedenti penali per reati contro il patrimonio. Complessivamente sono state registrate 29 violazioni per le norme anti-bivacco, 41 violazioni in materia di accattonaggio molesto, 17 violazioni per mancanza di documenti. Alcune delle persone controllate erano in possesso di falsi documenti, mentre molti dei fermati erano in condizioni psicofisiche alterate a causa dell'alcool. Sono state inoltrate al Prefetto 18 proposte per l’allontanamento di cittadini comunitari, pericolosi per la sicurezza pubblica, a seguito di accertamenti e attività criminale di alcuni soggetti dediti a furti e altri reati. Grazie all'immediato intervento di Amia, sono stati inoltre sgomberati sei insediamenti abusivi.

Siamo in presenza di una vera e propria organizzazione criminale – spiega Altamura – che porta a Verona persone appena arrivate in Italia, per destinarle all’accattonaggio o allo spaccio di stupefacenti; fra loro vi sono anche minori, la cui presenza ci è stata più volte segnalata dai residenti in zona San Zeno e al Tempio Votivo".

"Inoltre – conclude Altamura – abbiamo chiesto al Sindaco di intervenire presso l’impresa che sta realizzando il parcheggio di piazza Corrubbio per velocizzare al massimo la conclusione dei lavori, che provocano disagio e anche insicurezza nella zona, a causa dello scarso passaggio pedonale e veicolare ”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli antidegrado a San Zeno, scoperta banda dedita all'accattonaggio

VeronaSera è in caricamento